Skip to content

Le misure contro i matrimoni forzati in Gran Bretagna

Informazioni tesi

  Autore: Federica Favati
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e filosofia e Scienze politiche
  Corso: Mediazione linguistica e culturale
  Relatore: Lidia Anna De Michelis
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 59

Il fenomeno dei matrimoni forzati trova ampio respiro tra le comunità del Sud- Est asiatico ma abbraccia tutte le società.
L'imposizione del vincolo matrimoniale si appella a valori tradizionali quali l'obbedienza ai genitori, l'autorità del padre e della madre e soprattutto la conservazione dell'onore (izzat) per il quale vengono giustificate violenze fisiche e psicologiche. Le donne ( e nel 15% per cento dei casi gli uomini) che riescono a fuggire trovano rifugio in varie associazioni tra cui quella denominata Karma Nirvana dalla sua fondatrice, Jasvinder Sanghera, con sede a Derby. La Forced Marriage Unit (FMU), unità governativa centrale, si occupa dei casi della politica e del training per gli operatori che si trovano a fronteggiare casi di matrimonio forzato (operatori di polizia, assistenti sociali, educatori, insegnanti) . le donne che non riescono a fuggire spesso ricorrono ad atti di auto lesionismo o suicidio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Questo studio sui matrimoni forzati in Gran Bretagna e sulle misure contro di essi vuol gettare luce su un fenomeno altamente in crescita soprattutto tra le comunità asiatiche, le cui tradizioni e usanze affondano le proprie radici nella religione. Ogni anno in Gran Bretagna almeno 3000 giovani donne cadono vittime dei matrimoni forzati ed è necessario attivare una campagna di sensibilizzazione per gli insegnanti, che rivestono un ruolo chiave nel segnalare alle autorità le studentesse ritenute a rischio. Dovrebbe essere avviato altresì un programma per trasformare questa pratica tristemente in aumento da prerogativa di orgoglio all’interno delle Comunità asiatiche presenti sul territorio a oggetto di vergogna e biasimo sociale. In tal senso il cammino appare assai arduo, visto che la maggior parte delle popolazioni asiatiche considera i propri figli alla stregua di una mera proprietà fino al momento del matrimonio e di conseguenza si avvale della facoltà di agire in modo costrittivo nella scelta del futuro sposo e del giorno e delle modalità del matrimonio stesso, come illustrato nei casi riportati in questa tesi. É tuttavia bene precisare che in questo studio si pone l’attenzione su un fenomeno che si differenzia dal cosiddetto matrimonio combinato (“arranged marriage”), in cui i due partners sono consenzienti, sebbene il futuro coniuge venga scelto dai genitori degli sposi. A tal proposito si rimanda al Capitolo 1, in cui vengono date delucidazioni in merito alle diverse terminologie a riguardo. Il caso della dottoressa del Bangladesh 1 , per il quale è stato applicato il Forced Marriage Act 2 per la prima volta in un territorio extra britannico, rappresenta un precedente per tutte le donne del Sud Est asiatico vittime (o a rischio) di matrimonio forzato e l’auspicio è che possa costituire un 1 Humayra Abedin, dottoressa specializzanda presso il reparto chirurgico di Londra, costretta a recarsi in Bangladesh, patria dei suoi genitori per una presunta malattia di sua madre, fu segregata in casa e obbligata a sposare contro la sua volontà un uomo del posto; successivamente grazie all’applicazione del Forced Marriage Act (per la prima volta in un territorio extra – britannico) fu liberata e condotta nuovamente nel Regno Unito 2 Forced Marriage (Civil Protection) Act 2007, http://www.opsi.gov.uk/acts/acts2007/ukpga_20070020_en_1 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

ascolto
ashian organisation
condivisione
dauhters of shame
east is east
forced marriage act 2007
humayra abedin
izzat
jasvinder sanghera
karma nirvana
linee guida per educatori e insegnanti
luton group
matrimonio combinato
matrimonio di convenienza
matrimonio forzato
matrimonio riparatore
monsoon wedding
nazia khanum
onore
prevenzione e comportamenti
shazia qayum
supporto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi