Skip to content

L'accessibilità ai siti web nelle Pubbliche Amministrazioni: un'applicazione per il Comune di Bibbiena

Informazioni tesi

  Autore: Daniela Tellini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Informatica
  Relatore: Maria Cecilia Verri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 144

L'accessibilità di un sito web è la possibilità di accedere efficacemente alla sua interfaccia e al suo contenuto sia da parte di utenti normodotati sia di utenti affetti da handicap più o meno gravi. Un sito accessibile si ottiene progettando secondo le Web Content Accessibility Guidelines 1.0 (WCAG 1.0), le Linee Guida fornite dal Word Wide Web Consortium (W3C), l'organo internazionalmente riconosciuto che ha definito le regole standard sulla web accessibility. Un sito accessibile offre molti vantaggi, come rendere il software prodotto indipendente dalla piattaforma utilizzata e facilitare l'indicizzazione del sito per i motori di ricerca, anche se richiede comunque dei costi necessari per mantenere alto il livello di accessibiltà al crescere del sito. L'Unione Europea si è adoperata nel corso del tempo per ottenere una maggior efficienza di servizio tra le Pubbliche Amministrazioni e i propri utenti, disabili compresi, attraverso le tecnologie informatiche (E-Government), fornendo un Piano d'Azione, aggiornato dal 2000 al 2005, in cui ha definito i mezzi e i percorsi necessari per favorire l'utilizzo di risorse informatiche nell'interazione tra cittadino-Pubblica Amministrazione. In Italia il primo documento scritto dal Governo in materia di accessibilità ai siti web per i disabili nelle Pubbliche Amministrazioni è stata la Circolare 13 marzo 2001 nr.3 che ha fornito indicazioni circa la realizzazione e manutenzione dei sistemi informatici che garantiscano il rispetto di accessibilità ai disabili. Nel 2002 il Governo italiano ha costituito le Linee Guida in materia di Digitalizzazione delle risorse nelle Pubbliche Amministrazioni, di cui ha poi fornito gli aggiornamenti anno per anno fino al 2006. Gli standard vigenti ad oggi in materia di web accessibilità sono individuati oltre che nelle WCAG 1.0 nei principi di Jacob Nielsen circa l’usabilità di interfacce software e anche nella Legge 9 gennaio 2004 nr.4 (Legge Stanca) che definisce gli obblighi e le modalità a cui le Pubbliche Amministrazioni si devono attenere per rendere i propri portali web accessibili ai disabili. Mentre i primi due standard sono da considerare principi guida o suggerimenti l’ultimo standard nominato definisce gli obblighi e le modalità con cui le Pubbliche Amministrazioni devono procedere per rendere i propri siti web accessibili alle persone disabili. Per garantire l’accessibilità esistono le tecnologie Assistite, soluzioni software o programmi specifici per vari tipi di handicap fisici esistenti che permettono agli utenti disabili di consultare i siti web ingrandendo i caratteri dello schermo secondo le esigenze dell’utente(Screen Magnifier) e di usufruire di un sintetizzatore vocale(Screen Reader) che leggendo riga per riga le pagine del sito ne può “raccontare” il contenuto all’utente non vedente. La realizzazione del progetto di stage ha consentito di costruire un sito web del Comune di Bibbiena conforme alla Legge Stanca a partire dal sito esistente che non lo era. Il lavoro ottenuto è stato poi testato con i programmi Zoomtex (Screen Magnifier) e Jaws(Screen Reader) per verificare la compatibilità del sito ottenuto con due programmi considerati tra i più diffusi tra le Tecnologie Assistite esistenti ad oggi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione L’argomento su cui si concentra l’intera relazione è essenzialmente da indi- viduarsi nell’accessibilità ai siti web, argomento di vasto interesse, che comporta molte problematiche e attenzioni da parte del progettista del web e che coinvolge in modo universale il mondo degli utenti, poichè il problema riguarda sia il normale utente del web sia quello divesamente abile. Quando si parla di accessibilità intendiamo una disciplina che si occupa di rendere i siti accessibili al maggior numero possibile di utenti, soprattutto a quelli con un particolare tipo di disabilità (esistono varie forma di handicap, per esempio deficit alla vista, udito o di tipo motorio). Da attenti studi sull’accessibilità di interfacce software in ambiente web è stato rilevato che la maggior parte degli utenti riscontrano alcune difficoltà ricorrenti, come per esempio il fatto di non riuscire a reperire con facilità le informazioni che cercano o che trovano dopo tempi di ricerca troppo lunghi, il fatto di non riuscire a comprendere il linguaggio utilizzato nei siti (che è troppo tecnico e quindi non facilmente comprensibile a tutti gli utenti) per le etichette esplicative (quelle che appaiono se l’utente si sofferma sopra ai collegamenti delle pagine web con il mouse) o per i nomi scelti per i col- legamenti stessi, poichè anch’essi spesso sono poco chiari, oppure difficoltà di navigazione dovute al fatto che il sito web non presenta le informazioni in modo ben organizzato e intuitivo, o anche il fatto che gli utenti abbandonano la navigazione perchè le pagine dei siti che stanno esplorando sono troppo pesanti per cui gli utenti devono attendere tempi di caricamento delle pagine troppo lunghi e per questo si stancano di attendere e preferiscono rinunciare. La lista di esempi appena riportata comprende solo alcuni tipi di difficoltà tra quelli più frequentemente riscontrati, per cui non pretende affatto di es- sere esaustiva poichè i problemi derivanti dall’inaccessibilità dei siti web sono

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

accessibilità internet
internet pubblica amministrazione
internet uffici pubblici
regole web accessibility
web content accessibility guidelines
web p.a.

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi