Skip to content

La responsabilità internazionale delle organizzazioni internazionali

Informazioni tesi

  Autore: Marilena Amato
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Perugia
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Carlo Focarelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 261

Il problema della responsabilità internazionale delle organizzazioni internazionali nasce, per lo meno a livello teorico e in dottrina, in seguito al riconoscimento della loro personalità giuridica internazionale. La capacità di essere titolare di diritti e obblighi internazionali dovrebbe, infatti, automaticamente implicare che ad una loro inosservanza il diritto internazionale ricolleghi degli effetti giuridici negativi, ossia che il soggetto che si comporta in modo non conforme ne debba rispondere. Tale principio è ritenuto generale e valevole per ogni soggetto di qualsiasi ordinamento giuridico.

Paradossalmente, nonostante nessuno metta ormai in dubbio la capacità giuridica internazionale di almeno alcune organizzazioni internazionali, a differenza della responsabilità internazionale degli Stati – argomento ampiamente dibattuto in dottrina e oggetto di codificazione – all’argomento della responsabilità internazionale delle organizzazioni internazionali è stato dedicato molto meno spazio. Prevale l’idea, infatti, che in virtù della propria personalità giuridica, distinta dalla semplice somma degli Stati membri, alle organizzazioni internazionali si applichino le stesse norme sulla responsabilità valevoli anche per gli Stati.

La presente tesi mette in dubbio tale applicabilità analogica e giunge invece alla conclusione che la responsabilità internazionale (come definita per gli Stati) delle organizzazioni internazionali spesso sembra incompatibile con la loro peculiare natura di soggetti “derivati”.

Il fatto (dimostrato dallo studio della prassi*) che, pur comportandosi in modo non conforme al diritto, le organizzazioni internazionali non subiscono nessuna conseguenza negativa, evidentemente, rimette in dubbio non solo la capacità delle organizzazioni internazionali di essere titolari delle norme riguardanti la responsabilità, ma di essere soggette al diritto internazionale in generale.

*L'analisi prende spunto dal caso al quale ormai quasi tradizionalmente si fa riferimento in materia e che rappresenterebbe una prova inconfutabile della capacità dell'ONU di essere internazionalmente responsabile dei propri atti: una serie di accordi di riparazione per danni subiti da cittadini privati durante l'intervento nel Congo degli anni sessanta. Si parte quindi dalla riaprazione - obbligo in cui può tradursi la responsabilità - per risalire all'illecito. Dall'esame dei fatti emerge che tali accordi non sono stati stipulati, da parte dell'ONU, in seguito ad una presunta violazione del diritto internazionale e pertanto non forniscono valida prova alle tesi sostenute in dottrina.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione SOMMARIO: 1. Le organizzazioni internazionali e le norme sulla responsabilità – 2. Il piano dell’indagine – 3. Gli orientamenti metodologici. 1. Le organizzazioni internazionali e le norme sulla responsabilità Nel quadro del diritto internazionale, le organizzazioni internazionali rappresentano un fenomeno relativamente nuovo ma di sempre crescente importanza. Il loro numero è in costante aumento e, sempre più spesso, le organizzazioni internazionali si aggiungono o si sostituiscono ai singoli governi nello svolgimento di funzioni tradizionalmente proprie degli Stati. Il problema della responsabilità internazionale delle organizzazioni internazionali nasce, per lo meno a livello teorico e in dottrina, in seguito al riconoscimento della loro personalità giuridica internazionale1. La capacità di essere titolare di diritti e obblighi internazionali dovrebbe, infatti, automaticamente implicare che ad una loro inosservanza il diritto internazionale ricolleghi degli effetti giuridici negativi, ossia che il soggetto che si comporta in modo non conforme ne debba rispondere. Tale principio è ritenuto generale e valevole per ogni soggetto di qualsiasi ordinamento giuridico2. 1 In genere si fa riferimento al parere consultivo espresso dalla Corte Internazionale di Giustizia riguardo alle Nazioni Unite nel caso Reparations for Injuries Suffered in the Service of the United Nations, in ICJ Rep., 1949, p. 174; v. anche Interprétation de l’accord du 25 mars 1951 entre l’OMS et Égypte, in Rec. CIJ, 1980, pp. 89, 90. 2 DUPUY, Droit International Public, Paris, 1998, p. 169.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

atti illeciti
due diligence
haftung
illecito internazionale
itc
lump sum
obbligo di riparazione
onu
organizzazione internazionale
responsabilità
responsabilità internazionale
soggettività
stati membri
westland

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi