Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le ''aporie'' del reato colposo

Analisi critico-ricognitiva del sistema attuale del reato colposo. Problematiche di fondo che si celano dietro l'etichetta dell'imputazione colposa: responsabilità oggettiva, disparità di trattamento e violazione delo principio di uguaglianza.

Mostra/Nascondi contenuto.
Le “aporie “ del reato colposo 1 INTRODUZIONE <<Non la chiarità del dolo, ma la semioscurità della colpa è la forma di comportamento che si addice alla problematica esistenziale dell’uomo. L’ uomo è un essere colposo>>. 1 Un comportamento viene qualificato antigiuridico quando contrasta con una pretesa giuridica, colpevole quando l’azione infrange una pretesa con determinate caratteristiche strutturali. 2 Pertanto, qualificarlo colpevole vuol dire che il comportamento costituisce violazione di un obbligo che poteva essere evitato dal soggetto agente mediante uno spontaneo adeguarsi alla volontà normativa. Tale elemento, che in dottrina suole chiamarsi spirituale o psichico, può assumere la forma del dolo o della colpa. L’imputazione a titolo di dolo o colpa si riscontra in tutti quei casi in cui l’accadimento esterno non è imputato all’agente per la semplice realizzazione fisica della condotta o determinazione causale dell’evento. Secondo il pensiero giuridico tradizionale il dolo rappresenta la più autentica forma di responsabilità colpevole. Infatti, il dolo è l’originaria forma di colpevolezza che si impose nel passaggio dalla responsabilità oggettiva alla responsabilità colpevole. Diversamente la colpa costituisce quella forma di colpevolezza di acquisizione tardiva, avente nelle legislazioni penali carattere eccezionale e minoritario. Quanto detto implica che “nessuno può essere punito per delitto colposo se non nei casi espressamente previsti dalla legge”. 3 Il criterio d’imputazione a titolo di colpa, sancito nell’art. 42 comma 2, è (salvo per le contravvenzioni) “sussidiario” 4 rispetto a quello doloso e scatta solo se espressamente previsto dalla legge. Da ciò deriva che l’imputazione dolosa è “ordinaria” e “normale”, contrariamente a quella colposa, che 1 G. Forti, “Colpa ed evento nel diritto penale”, Milano, 1990, p. 1 2 M. Gallo, voce Colpa penale (dir. Vig.), Enc. del dir., VII, Milano, 1960, p.624. 3 È ritenuta pacifica l’impossibilità di una previsione implicita nel delitto preterintenzionale, Gallo, ibidem, p. 625; F. Mantovani, “Diritto penale. Parte generale”, p. 304 4 Nel senso che l’imputazione per responsabilità colposa scatta solo nei casi previsti legislativamente.

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Teresa Costa Contatta »

Composta da 231 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1468 click dal 05/05/2009.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.