Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Invalidità di bilancio

Il mio lavoro si incentra sull’analisi del concetto di “invalidità del bilancio d’esercizio”. Tale espressione sottende un concetto più ampio e cioè quello di “invalidità della delibera assembleare che approva il bilancio d’esercizio”. Quindi dopo aver analizzato, sotto il profilo economico - aziendale e sotto il profilo legislativo, il concetto di bilancio d’esercizio, si sono posti in rilievo i principi fondamentali costituenti la clausola generale e i principi di redazione. Successivamente l’analisi è stata spostata sul piano della delibera assembleare, evidenziando quali sono le tipologie di invalidità riscontrabili nel nostro ordinamento giuridico: l’annullabilità, la nullità, l’inesistenza e l’inefficacia della delibera assembleare. Dopo di che si è passati ad evidenziare le particolarità proprie della delibera approvativa del bilancio d’esercizio in merito al tipo di sanzione maggiormente idonea a colpire le violazioni delle norme regolanti la redazione del bilancio. Nel contempo si sono evidenziate alcuni possibili casi di violazione dei criteri di redazione del bilancio tratti dalla giurisprudenza. La tesi si conclude con una finestra sulla responsabilità degli amministratori, sia dal punto di vista civile che dal punto di vista penale, accennando ai problemi riscontrati dalla giurisprudenza per la configurazione del reato del falso in bilancio.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE In questo lavoro si cercherà di presentare una casistica di situazioni pericolosamente incerte, derivanti dalla dottrina ed, in particolare, dalla giurisprudenza commerciale, che abbiano dei possibili riflessi in termini di impugnazione della delibera assembleare che approva il bilancio d’esercizio. Questa che è la parte centrale del lavoro, non può essere affrontata senza una adeguata introduzione sul significato e sulla evoluzione dottrinale in merito alla funzione del bilancio d’esercizio. Naturalmente questo breve passaggio non può prescindere dalla struttura legislativa recepita dal Codice Civile dopo il d. lgs. 127/91 (e successive modificazioni). Essendo però il concetto di “invalidità del bilancio” un concetto improprio che sottende il più ampio concetto di “invalidità della delibera assembleare approvativa del bilancio d’esercizio”, è stato necessario procedere ad una analisi, tipicamente di stampo giuridico, per definire che cosa sia una delibera assembleare e per indicare quali siano le tipologie di invalidità che la possono colpire, identificando distintamente i quattro tipi di invalidità: nullità, annullabilità, inesistenza ed inefficacia. Successivamente vengono esaminate per macro - categorie le poste di bilancio (immobilizzazioni tecniche, immateriali, finanziarie, rimanenze, ecc.), indicando le metodologie corrette per la redazione del documento rispettosa della clausola generale, e quindi non impugnabile, non mancando di presentare alcune situazioni di irregolarità, che per il dibattito dottrinale e giurisprudenziale che suscitano, hanno un peso ed un interesse maggiore. Parte di questa casistica di irregolarità di redazione proviene dalla giurisprudenza pubblicata e parte deriva anche da esperienza dirette di esponenti del mondo professionale. Per questo un ringraziamento particolare, per la pazienza e la disponibilità dimostratemi, va al Rag. Renato Cappuccini, manager della Società di Revisione Coopers & Lybrand di Padova, all’Ing. Otello Leandro, ex responsabile dell’ufficio controllo di gestione della Fincantieri S.p.A. di

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Stefano Benetello Contatta »

Composta da 237 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4374 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 15 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.