Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La forma di governo nella riforma della II parte della Costituzione

E' dal 1982 che il dibattito politico italiano si concentra sulla possibilità di un'ampia riforma della Costituzione e negli ultimi anni tale dibattito è divenuto di stretta attualità, in relazione alla volontà delle principali forze politiche di rivedere la seconda parte della Carta, in funzione di una forte modifica, in particolare, del ruolo del premier. Il presente lavoro si concentra sull'analisi della legge - approvata il 16 novembre 2005 dalla Camera dei Deputati e successivamente bocciata dal referendum del 2006 - che avrebbe modificato notevolmente la forma di governo italiana e che rimane di stretta attualità se confrontata con le intenzioni dell'attuale maggioranza di governo in merito alle riforme costituzionali.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Il presente lavoro si propone di esaminare quanto la Riforma della Parte II della Costituzione, approvata dalla Camera dei deputati il 16 novembre 2005, modifica nell’ambito della forma di governo nell’ordinamento italiano. Prima di tutto si accennerà al periodo di grandi proposte di revisione della Costituzione iniziato circa venticinque anni fa. Di qui, verranno osservate le varie fasi dell’iter parlamentare seguito dalla disegno di legge AS 2544 fino alla sua votazione finale. Saranno inoltre discusse la modalità di approvazione delle revisioni costituzionali secondo quanto previsto dall’art. 138 Cost. e l’interpretazione che il Governo della XIV legislatura ha dato a tale articolo. Nel secondo capitolo si passerà ad analizzare ciò che la riforma prevede nell’ambito dell’organo titolare del potere esecutivo. Particolare attenzione verrà data alla nuova figura del Primo ministro e alle modalità previste per la sua elezione. Ampio rilievo sarà anche dato ai rapporti che intercorrono tra il Governo e il Parlamento, con particolare riferimento al rapporto di fiducia. Si procederà poi, nel terzo capitolo, all’analisi del Parlamento e della funzioni da esso esercitate. Ci si soffermerà sui cambiamenti che la riforma apporta alla composizione delle due Camere e, in particolare, verrà analizzato l’inedito Senato federale della Repubblica. Indi si passerà a verificare quanto viene cambiato nell’ambito del procedimento legislativo.

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Lorenzo Ciampoli Contatta »

Composta da 61 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2337 click dal 08/05/2009.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.