Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La progettazione psicopedagogica in orientamento: la creatività come strategia di intervento a favore dei ragazzi drop-out

L'idea da cui parte la mia tesi è quella di trovare lo strumento più idoneo a superare il fenomeno dell'abbandono scolastico (drop-out), partendo da due concetti educativi fondamentali: orientamento e creatività.
Nel corso della tesi si delinea una realtà educativa innovativa che offra al ragazzo la possibilità di elaborare un progetto diverso per il proprio futuro, mediante l’acquisizione di nuove competenze e attraverso metodi ed esperienze differenti rispetto quelle scolastiche tradizionali.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE “La progettazione psicopedagogica in orientamento: la creatività come strategia di intervento a favore dei ragazzi drop-out”, partendo dal titolo di questo elaborato, si può già intuire che i temi trattati saranno molti, ampi e complessi: la progettazione psicopedagogica, il drop-out, l’orientamento e la creatività. Scopo di questo elaborato è proprio quello di analizzare nel dettaglio ogni singolo argomento al fine di delineare un progetto che riesca ad integrare e, nello stesso tempo, a valorizzare ciascun tema nella sua peculiarità. La tematica della progettazione psicopedagogica, dunque, attraverserà tutta la tesi in quanto strumento principale, mezzo più idoneo a qualsiasi intervento in campo educativo. Senza la progettazione, infatti, l’azione pedagogica perderebbe di ogni valore, diventerebbe mera prassi ed esecuzione di attività senza uno scopo ben definito, senza un monitoraggio appropriato e soprattutto senza un’analisi accurata della realtà sulla quale si vuole intervenire. Affinché la progettazione sia ideata e successivamente realizzata, dunque, necessita di un suo “perché” da cui partire, che in questo caso specifico è il fenomeno del “drop-out”, ma anche di un “come”, di un mezzo con il quale intervenire. I modi e gli strumenti per intervenire su un fenomeno così complesso, sono tra i più svariati, uno tra questi, il più rilevante e maggiormente adottato, è l’orientamento. Questo strumento se utilizzato per adolescenti e giovani adulti, anche in difficoltà, svolge l’arduo compito di accompagnare in modo adeguato i ragazzi nella progettazione del loro futuro scolastico e professionale, così da evitare fenomeni di fallimento e di abbandono scolastico. Spesso, purtroppo infatti, i ragazzi perdono voglia, interesse e motivazione nel proseguire un percorso scolastico tradizionale per i più svariati motivi: dalla difficoltà all’inadeguatezza, dalle valutazioni negative fino alle esperienze fallimentari. In questi casi, oltre alla prevenzione orientativa, è importante concentrare l’attenzione sull’immagine svalorizzata del ragazzo, offrendo la possibilità di elaborare un progetto diverso per il proprio futuro mediante l’acquisizione di nuove competenze e attraverso metodi ed esperienze differenti

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Sara Mirarchi Contatta »

Composta da 194 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1426 click dal 29/05/2009.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.