Skip to content

Reversibilità e chiasma nella concezione della pittura di Merleau-Ponty

Informazioni tesi

  Autore: Valeria Russo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Giorgio Baratta
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 65


La filosofia di Maurice Merleau-Ponty è stata spesso definita come una filosofia della ambiguità, per il fatto di rivolgersi al mondo - della - vita e all'esistenza e quindi a quella percezione originaria, che sarebbe anteriore alla riflessione e al giudizio e non separerebbe il soggetto dall'oggetto, l' io dal mondo.1 Effettivamente il percorso filosofico di Merleau-Ponty, che riprendendo le idee di Husserl tenta di superare i palesi o residuali dualismi della tradizione filosofica, mi sembra uno dei più originali e suggestivi del pensiero occidentale del Novecento.
A mio avviso si possano individuare, infatti, due momenti principali in codesta ricerca: il primo è quello che in un certo senso è caratterizzato da un segno negativo, in cui Merleau-Ponty prende le distanze sia dal pensiero di origine scientista che dalla tradizione idealistica, attraverso una critica che vuole denunciare l'aspetto riduttivistico dell'una e quello assolutistico dell'altra: entrambi commetterebbero il medesimo errore estremizzando rispettivamente l'oggettivo e il soggettivo.
Il secondo è il momento positivo, quello in cui Merleau-Ponty propone e sviluppa i due concetti chiave del suo pensiero: quello di reversibilità e quello di chiasma, visti soprattutto attraverso una originale teoria dell'espressione, in cui questi concetti sono posti in correlazione tra loro e si inquadrano inizialmente nella impostazione fenomenologico-esistenziale e successivamente nella ontologia dialettica. Reversibilità e chiasma oltre a specificare e a caratterizzare il pensiero di Merleau-Ponty sembrano introdurre, attraverso il loro accostamento alla riflessione sull'estetica, un nuovo approccio teoretico dei problemi legati all'arte una chiave diversa per decifrare la realtà.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La filosofia di Maurice Merleau-Ponty è stata spesso definita come una filosofia della ambiguità, per il fatto di rivolgersi al mondo - della - vita e all'esistenza e quindi a quella percezione originaria, che sarebbe anteriore alla riflessione e al giudizio e non separerebbe il soggetto dall'oggetto, l' io dal mondo. 1 Effettivamente il percorso filosofico di Merleau-Ponty, che riprendendo le idee di Husserl tenta di superare i palesi o residuali dualismi della tradizione filosofica, mi sembra uno dei più ori- ginali e suggestivi del pensiero occidentale del Novecento. A mio avviso si possano individuare, infatti, due momenti principali in codesta ricerca: il primo è quello che in un certo senso è caratterizzato da un segno negativo, in cui Merleau-Ponty prende le distanze sia dal pensiero di origine scientista che dalla tradizione idealistica, attraverso una critica che vuole denunciare l'aspetto riduttivistico dell'una e quello assolutistico dell'altra: entrambi com- metterebbero il medesimo errore estremizzando rispettivamente l'oggettivo e il soggettivo. Il secondo è il momento positivo, quello in cui Merleau-Ponty propone e sviluppa i due concetti chiave del suo pensiero: quello di reversibilità e quello di chiasma, visti soprattutto attraverso una originale teoria dell'espressione, in cui questi concetti sono posti in correlazione tra loro e si inqua- drano inizialmente nella impostazione fenomenologico-esistenziale e successivamente nella ontolo- gia dialettica. Reversibilità e chiasma oltre a specificare e a caratterizzare il pensiero di Merleau- Ponty sembrano introdurre, attraverso il loro accostamento alla riflessione sull'estetica, un nuovo approccio teoretico dei problemi legati all'arte una chiave diversa per decifrare la realtà. La ricerca che viene svolta nelle pagine seguenti prende le mosse da un triplice interesse. In primo luogo mi sembra considerevole ed ancora attuale il tentativo di Merleau-Ponty di andare oltre le di- stinzioni tradizionali e le categorie astratte del giudicare, per scoprire al di là di esse l'enorme com- plessità e ricchezza del reale. In secondo luogo mi sono chiesta se c'è stato un effettivo superamento nella filosofia merleaupontiana della dicotomia soggetto-oggetto attraverso i concetti di reversibilità e chiasma in riferimento alla pittura. In terzo luogo mi sembra interessante il rilievo dato da Merleau-Ponty allo stretto legame tra arte e filosofia, che, anche in questo caso, è pensato al di là di ogni teorizzazione sistematica. Questo va- riegato intreccio di motivi e di spunti, talvolta eterogenei, della filosofia di Merleau-Ponty, basti pensare ai vari filosofi e alle correnti di pensiero a cui molto spesso egli si è rifatto ( da Cartesio a Husserl e Heidegger; alla Psicologia della Forma e alla psicoanalisi freudiana, fino allo strutturali- smo di Lévi-Strauss e alla linguistica di De Saussure, solo per citarne alcuni), sembra rispecchiare la sua stessa visione del mondo, che risulta a sua volta complessa e ricca di analisi illuminanti. La mia attenzione si è focalizzata sull'analisi della pittura che Merleau-Ponty ha svolto e in partico- lare di quella di Cézanne, avendo egli dedicato specificamente a questo grande pittore due saggi ( Il dubbio diCézanne e L'occhio e lo spirito) e alcuni altri al tema dell' espressione artistica (La prosa del mondo; Il linguaggio indiretto e le voci del silenzio); inoltre Merleau-Ponty ha insistito spesso su questo argomento anche nella sua opera "maggiore" (La fenomenologia della percezione). Pur dedicando una parte considerevole del suo lavoro ai problemi legati all'arte e alla pittura, non si può definire Merleau-Ponty propriamente un "estetologo", ma, come è stato sottolineato da più par- ti, la sua riflessione estetica è intimamente mescolata alla riflessione filosofica; tanto è vero che non Va l e r i a R u s s o R e v e r s i b i l i t à e c h i a s m a i n M a u r i c e M e r l e a u - P o n t y 4 1 Vedi E. Paci, Introduzione a M. Merleau-Ponty, EP., p. IX e p. 7.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi