Skip to content

Media, democrazia e conflitto di interessi. Il sistema dell’informazione nell’Italia dopo il 1993

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Giovanetti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Sergio Fabbrini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 215

Negli ultimi anni di governo del nostro Paese, uno dei temi che più hanno infuocato il dibattito pubblico e politico è stato quello riguardante il cosiddetto «Conflitto di Interessi». Sebbene con il termine conflitto di interessi si possano indicare un insieme indefinito di circostanze più o meno gravi, data la ampia e generale portata del termine, in Italia parlare di conflitto di interessi riconduce invece – e inevitabilmente – ad un tema specifico, quello che riguarda i possedimenti imprenditoriali dell’attuale Presidente del Consiglio.
Con il termine “conflitto di interessi”, in ambito politico, si indica generalmente il contrasto che può sussistere tra gli interessi personali di chi Governa e le decisioni che è chiamato a prendere, nel caso in cui queste possano favorirlo o danneggiarlo. Il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, infatti, essendo oltre che Capo del Governo anche proprietario di un impero economico, è costantemente esposto al “pericolo” di cadere in conflitto di interessi ogni qual volta si trovi a prendere decisioni nelle quali sono coinvolti, anche, i sui interessi personali. Il termine usato – impero economico – non vuole suonare ridondante, l’entità dei possedimenti è certamente indiscussa e si estende all’interno numerosi settori, dal sistema dei media, a quello cinematografico, al risparmio gestito, allo sport, alle assicurazioni e alla distribuzione commerciale.
La definizione sopra proposta di «conflitto di interessi» vuole sintetizza nel modo più chiaro ed esplicativo la natura più conosciuta del problema che stiamo per analizzare, ovvero la sua natura economico-patrimoniale. Quando si parla di avvantaggiare i propri interessi – e nel caso specifico promuovere determinate leggi – ciò che viene naturale pensare è che si tratti principalmente di interessi economici, siamo essi finalizzati ad aumentare un patrimonio, o a non diminuirlo. Basti pensare che negli Stati dove esiste una disciplina sul conflitto di interessi, le leggi che regolano la normativa sono mirate ad evitare la possibilità che titolari di cariche di Governo possano, attraverso il loro potere, avvantaggiarsi economicamente .
Ciò che si è verificato dunque, con l’ingresso in politica di Silvio Berlusconi nel 1993, è stata la nascita di un binomio – Berlusconi politico, Berlusconi imprenditore – che ancora oggi non è stato completamente risolto . Così anche nel nostro Paese l’attenzione dei media, fin dall’inizio è stata rivolta proprio nei confronti di questo aspetto, tanto da creare – a livello di opinione pubblica – l’idea che il conflitto di interessi in Italia fosse temibile quasi unicamente da un punto di vista patrimoniale; circostanza tuttavia non trascurabile.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Negli ultimi anni di governo del nostro Paese, uno dei temi che più hanno infuocato il dibattito pubblico e politico è stato quello riguardante il cosiddetto «Conflitto di Interessi». Sebbene con il termine conflitto di interessi si possano indicare un insieme indefinito di circostanze più o meno gravi, data la ampia e generale portata del termine, in Italia parlare di conflitto di interessi riconduce invece – e inevitabilmente – ad un tema specifico, quello che riguarda i possedimenti imprenditoriali dell’attuale Presidente del Consiglio. Con il termine “conflitto di interessi”, in ambito politico, si indica generalmente il contrasto che può sussistere tra gli interessi personali di chi Governa e le decisioni che è chiamato a prendere, nel caso in cui queste possano favorirlo o danneggiarlo. Il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, infatti, essendo oltre che Capo del Governo anche proprietario di un impero economico, è costantemente esposto al “pericolo” di cadere in conflitto di interessi ogni qual volta si trovi a prendere decisioni nelle quali sono coinvolti, anche, i sui interessi personali. Il termine usato – impero economico – non vuole suonare ridondante, l’entità dei possedimenti è certamente indiscussa e si estende all’interno numerosi settori, dal sistema dei media, a quello cinematografico, al risparmio gestito, allo sport, alle assicurazioni e alla distribuzione commerciale. La definizione sopra proposta di «conflitto di interessi» vuole sintetizza nel modo più chiaro ed esplicativo la natura più conosciuta del problema che stiamo per analizzare, ovvero la sua natura economico-patrimoniale. Quando si parla di avvantaggiare i propri interessi – e nel caso specifico promuovere determinate leggi – ciò che viene naturale pensare è che si tratti principalmente di interessi economici, siamo essi finalizzati ad aumentare un patrimonio, o a non diminuirlo. Basti pensare che negli Stati dove esiste una disciplina sul conflitto di interessi, le leggi che regolano la normativa sono mirate ad evitare la possibilità che titolari di cariche di Governo possano, attraverso il loro potere, avvantaggiarsi economicamente 1 . 1 Le normative degli Stati che prevedono una regolamentazione del Conflitto di interessi saranno analizzati nello specifico nel terzo capitolo.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

berlusconi
conflitto di interessi
dibattito parlamentare
legge gasparri
legge mammì
sistema dei media
sistema televisivo italiano

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi