Skip to content

La politica militare della Spagna di Filippo II dopo la battaglia di Lepanto

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Cipollone
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Sassari
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere moderne
  Relatore: Francesco Manconi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 162

La guerra e tutte le attività ad essa connesse concorsero in misura notevole allo sviluppo e al rafforzamento degli Stati moderni nell’Europa del XVI secolo. La formazione degli eserciti permanenti e delle milizie nazionali, la ricerca di nuove tecnologie belliche e lo studio di tattiche di attacco e di difesa innovative, lo sforzo finanziario necessario per adeguare il proprio apparato militare alle recenti invenzioni, contribuirono a potenziare la centralizzazione amministrativa e l’organizzazione burocratica e fiscale, che costituivano il fondamento del potere assoluto delle monarchie nazionali.
La monarchia spagnola, in seguito all’unione delle due Corone, al completamento della reconquista con la presa di Granada e soprattutto alla scoperta dell’America, ebbe a disposizione cospicui mezzi finanziari per sviluppare le nuove metodologie belliche ed eccellere in questo campo. Grazie soprattutto a Carlo V, con il quale la Spagna accarezzò il sogno di essere alla guida di un impero universale, e a Filippo II, impegnato militarmente per tutta la seconda metà del secolo sia nel Mediterraneo, contro i musulmani, sia in Europa contro le forze protestanti.
Lo scopo di questo lavoro consiste, nella prima parte, nell’analisi di tale preponderante aspetto della politica spagnola, con particolare riguardo al periodo successivo alla battaglia di Lepanto. Alla metà degli anni Settanta, infatti, si ebbe un mutamento decisivo nella politica militare di Filippo II, con il passaggio da una tattica indirizzata soprattutto alla difesa dagli attacchi nemici e al contenimento delle rivolte interne, ad una più offensiva volta alla conquista di altri territori, nell’ambito di una politica di guerra preventiva. L’esposizione degli avvenimenti riguardanti la guerra nel Mediterraneo e nei Paesi Bassi, la conquista del Portogallo e i conflitti con la Francia e l’Inghilterra procede di pari passo con la presentazione e la descrizione delle tecnologie militari utilizzate per la salvaguardia dei territori minacciati e per l’occupazione di quelli ostili.
La seconda parte della tesi è incentrata invece sull’analisi della politica militare spagnola in uno dei suoi domini periferici, il Regno di Sardegna, tra i più esposti alle minacce nemiche, sia per la sua posizione al centro del Mediterraneo, che lo pose in prima linea nella guerra contro i turco-barbareschi, sia per la palese povertà strutturale. La preoccupazione della Spagna, sin dall’epoca dei Re Cattolici, è stata quella di intervenire a sostegno delle fatiscenti strutture difensive isolane, per limitare i danni provocati dalle continue incursioni barbaresche e per evitare che l’isola, di grande importanza strategica, cadesse in mano turca o francese. Provvedimenti efficaci furono presi tanto da Carlo V, con l’adeguamento e il potenziamento delle cinte difensive delle piazzeforti di Cagliari e Alghero, quanto da Filippo II, con il completamento delle fortificazioni urbane, l’istituzione e l’armamento di una milizia territoriale e la costruzione di un sistema di torri costiere.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo primo La Spagna, una nazione in guerra La vocazione guerriera della Spagna - La politica estera di Filippo II - La “guerra giusta” - La “guerra su più fronti” - I numeri della guerra - La composizione dell’esercito - Le fortificazioni - La crisi di fine secolo In Spagna, sin dall’epoca dei Re Cattolici e dalla conquista di Granada, la guerra ebbe larga parte nella formazione e nello sviluppo di un moderno stato guerriero 1 . Per la Corona le imprese militari furono un valido espediente per controllare i ceti, per dominarli, per attenuarne i contrasti, per mobilitarne il consenso e la partecipazione, per trasmettere valori come la gloria e la promozione sociale 2 . Era fondamentale dare risalto a tali valori, particolarmente in un’epoca in cui il commercio e le prospettive di ricchezza offerte dal Nuovo Mondo, sottraevano ogni anno alla Spagna migliaia di giovani intraprendenti 3 . Con Carlo V (1516-1556) e Filippo II (1556-1598), la Castiglia confermò la propria vocazione guerriera e si delineò come una nazione in cui la partecipazione alla milizia costituiva una tappa obbligata per una parte consistente della popolazione maschile, non solo aristocratica 4 . In Spagna, infatti, era molto forte la convinzione che le armi nobilitassero l’uomo e la milizia offriva anche ai ceti più bassi l’occasione di innalzare il proprio livello sociale; più che il soldo, o la possibilità di fare bottino, ciò che spingeva dunque i castigliani ad intraprendere questo faticoso mestiere era l’opportunità, in teoria offerta a tutti, di scalare la gerarchia militare, fare carriera e avanzare socialmente 5 . Dal 1525 al 1640, nessuna guerra di rilevante importanza interessò il territorio spagnolo e nessun esercito straniero invase i suoi confini. La milizia castigliana fu impiegata quasi ed 1 R. PUDDU, Il soldato gentiluomo. Autoritratto di una società guerriera: la Spagna del ‘500, Bologna, Il Mulino, 1982, p. 117. 2 Ibidem. 3 La scoperta dell’America e lo sfruttamento delle sue risorse fu determinante per la politica militare della Spagna, soprattutto nell’epoca di Filippo II. Ma è innegabile che il continuo salasso di uomini verso le nuove terre impoverì sensibilmente il paese, sia dal punto di vista demografico, sia dal punto di vista economico. Cfr. A. PAGDEN, Signori del mondo. Ideologie dell’impero in Spagna, Gran Bretagna e Francia 1500-1800, Bologna, Il Mulino, 2005, pp. 116-118 e J. VICENS VIVES, Profilo della Storia di Spagna, Torino, Einaudi, 1966, p. 113. 4 R. PUDDU, Il soldato gentiluomo…cit., pp. 148-151. 5 Ibidem.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

1571
1588
aragona
armada
corsari
difesa
esercito
filippo ii
francia
galere
guerra
inghilterra
lepanto
mediterraneo
militare
milizia
paesi bassi
piazzeforti
pirati
portogallo
sardegna
spagna
torri
turchi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi