Skip to content

Le regole di voto nelle procedure di gestione delle crisi aziendali

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Saino
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Management per l'impresa
  Relatore: Massimo Belcredi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 192

La presente tesi espone un'analisi economica delle regole di voto previste per l'approvazione dei piani di ristrutturazione delle imprese in crisi, con particolare riguardo a quelle dettate dalla disciplina del Chapter 11 statunitense e del Concordato Preventivo in Italia.
Alla luce degli studi condotti in materia, focalizzati sull'analisi del Chapter 11 mediante il ricorso a due modelli riconducibili alla teoria dei giochi, si dimostra che le regole di voto sono in grado di incidere sull'esito della contrattazione alla quale partecipano i creditori, poichè di fatto influiscono sulla probabilità a priori che il piano proposto venga approvato e sul contenuto dello stesso, ovvero sulla ripartizione finale del valore di continuazione dell'impresa ristrutturata tra i claimants dell'impresa insolvente.
Si tenta, dunque, di applicare anche al Concordato Preventivo il metodo di analisi impiegato dalla letteratura in materia, confrontando i risultati così ottenuti con quelli riferiti alla procedura di reorganization statunitense.
Si esprime, inoltre, un giudizio in merito alla recente riforma della Legge Fallimentare italiana, la quale, intervenendo, tra l'altro, anche sulle regole di voto del Concordato Preventivo, parrebbe sia stata impostata in modo tale da rendere più agevole il raggiungimento dell'intesa tra i creditori (e la continuazione dell'impresa in crisi o insolvente) a scapito dell'equità distributiva.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE La ristrutturazione di imprese in crisi rappresenta uno dei nodi cruciali della legge fallimentare di qualsiasi Paese. Essa costituisce lo strumento grazie al quale imprese che attraversano situazioni di dissesto finanziario o che, per causa di esso, si trovano in uno stato di manifesta insolvenza, ma che sono comunque in grado di generare valore in futuro, possono evitare la liquidazione e continuare ad operare, contribuendo alla crescita del sistema economico. Se l’obiettivo della legge fallimentare consiste nel fare in modo che gli assets delle imprese insolventi vengano riallocati in modo da trarre da essi il maggior valore possibile, le procedure di ristrutturazione pongono le basi affinchè gli assets rimangano nell’impresa ristrutturata se essa rappresenta il loro miglior impiego. In sostanza, la ristrutturazione aziendale si presenta come l’alternativa alla liquidazione nell’individuazione della migliore destinazione delle attività dell’impresa insolvente e per questo, nella misura in cui è in grado di risolvere i problemi di asimmetria informativa e conflitti di interessi tra i soggetti coinvolti, risponde potenzialmente ad una logica di allocazione ottimale delle risorse nel sistema economico. Quanto sinora affermato rappresenta una sorta di “vocazione” delle procedure di ristrutturazione: il framework di regole predisposte dai legislatori dovrebbe tendere ad essa, quindi fare in modo che la continuazione dell’attività venga garantita alle sole imprese con concrete prospettive di sopravvivenza autonoma e di crescita, alle sole imprese in grado di generare nel futuro flussi di cassa che siano rassicuranti, alle sole imprese che abbiano valore come entità going concern 1 . Diversamente, l’alternativa non può che essere quella della liquidazione, poichè ostinarsi nel garantire la continuazione di imprese incapaci di 1 Quando poi si considera la problematica di imprese in crisi di elevate dimensioni, che danno occupazione ad una frazione considerevole della forza lavoro, e per questo profondamente legate al territorio in cui operano ed al suo tessuto demografico, e che producono, eventualmente, beni o servizi di interesse pubblico, all’obiettivo dell’allocazione ottimale delle risorse si affiancano altri obiettivi di politica economica, tra i quali primeggia la tutela dell’occupazione. 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

chapter 11
claimants
classificazione dei crediti
concordato preventivo
going concern surplus
legge fallimentare
majority quota
piano di ristrutturazione
probabilità non condizionata
regole di voto
reorganization
voting by count and account

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi