Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sviluppi del cinema in 3D: l'evoluzione dell'attore digitale

La tesi intende illustrare il percorso che compie, negli anni recenti, la figura dell'attore digitale e l'evoluzione dei sistemi di cattura del personaggio, come motion capture e performance capture.
Vengono analizzati i tre film che cambiano, nel corso degli anni, questa evoluzione della figura digitale intesa come ruolo attoriale.
I film sono Il signore degli anelli: le due torri per quanto riguarda la motion capture, Polar Express per la performance capture.
Fuori dalle tematiche 3D però, al tempo stesso, correlato alla ricerca dell'attore digitale, si pone l'ultimo film analizzato, A Scanner Darkly e il suo interpolated rotoscoping.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Gli ultimi dieci anni di storia del cinema sono quelli che definiscono concretamente il punto di non ritorno, contraddistinto dal passaggio dal cinema analogico a quello digitale. Questo termine, digitale, ha scatenato una serie di dibattiti, seminari, conferenze, volti non solo a spiegare più chiaramente il significato di tale accezione, ma anche a ridefinire completamente la struttura filmica. L’evoluzione delle tecniche elettroniche ha portato a un radicale cambiamento, avvenuto in un periodo di gestazione che si potrebbe datare intorno agli ultimi 15-20 anni, in cui i cosiddetti “effetti speciali” mutano il suo essere, propriamente meccanici, in luogo di “effetti visivi” elettronici. Si sviluppano, quindi, i programmi al computer collegati al cinema, come i software di montaggio video, quelli di compositing, e di rendering. Allo stesso tempo, prende piede prepotentemente l’uso della computer grafica, che, nel giro di pochi anni, riesce ad accrescere notevolmente le proprie potenzialità, in termini di fotorealismo e di resa visiva. Affidandosi dunque all’ausilio del computer, le grandi produzioni cinematografiche si adeguano, finanziando e istituendo grandi studios di visual effects. Dalla Lucasfilm, nel 1977, nasce la Industrial Light and Magic, che diventa protagonista della maggior parte dei lungometraggi in cui si richiedono effetti visivi. La Pixar Animation Studios, invece, nasce per mano di Steve Jobs della Apple, nel 1984: è l’azienda che da la vera prima svolta al digitale,

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Mauro Santarelli Contatta »

Composta da 58 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4539 click dal 21/05/2009.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.