Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Internazionalizzazione delle piccole e medie imprese italiane

Questo lavoro di ricerca si propone di analizzare le ragioni e i processi relativi all’internazionalizzazione della Piccola e Media impresa (PMI).
Nel corso degli ultimi anni lo scenario mondiale, si è via via trasformato, con una sempre maggiore interdipendenza tra le diverse economie nazionali.
Si parla quindi di globalizzazione dei mercati, cioè di integrazione e unificazione delle varie aree economiche.
Internazionalizzarsi, vuol dire, essere consapevoli della necessità del cambiamento, riconoscere nell’apertura di nuove frontiere economiche, un’opportunità di sviluppo oltre i confini nazionali.
Vuol dire elaborare una strategia in materia di rapporti con l’estero, al fine di accrescere la propria attività imprenditoriale, ed essere in grado di sostenere la crescente competitività dell’economie emergenti attraverso l’inserimento e il consolidamento della propria presenza sul mercato internazionale. L’orientamento allo sviluppo estero, riguarda le imprese di ogni dimensione, ma sono sicuramente le PMI ad avere maggiore bisogno di riflettere sul se e come realizzare la propria strategia di internazionalizzazione, tenendo conto che questa non si esaurisce con la sola e semplice esportazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Questo lavoro di ricerca si propone di analizzare le ragioni e i processi relativi all’internazionalizzazione della Piccola e Media impresa (PMI). Nel corso degli ultimi anni lo scenario mondiale, si è via via trasformato, con una sempre maggiore interdipendenza tra le diverse economie nazionali. Si parla quindi di globalizzazione dei mercati, cioè di integrazione e unificazione delle varie aree economiche. Internazionalizzarsi, vuol dire, essere consapevoli della necessità del cambiamento, riconoscere nell’apertura di nuove frontiere economiche, un’opportunità di sviluppo oltre i confini nazionali. Vuol dire elaborare una strategia in materia di rapporti con l’estero, al fine di accrescere la propria attività imprenditoriale, ed essere in grado di sostenere la crescente competitività dell’economie emergenti attraverso l’inserimento e il consolidamento della propria presenza sul mercato internazionale. L’orientamento allo sviluppo estero, riguarda le imprese di ogni dimensione, ma sono sicuramente le PMI ad avere maggiore bisogno di riflettere sul se e come realizzare la propria strategia di internazionalizzazione, tenendo conto che questa non si esaurisce con la sola e semplice esportazione. Le PMI sono quindi chiamate a rispondere a delle domande del tipo: ¾ Perché internazionalizzarsi? ¾ Come farlo? ¾ Dove localizzarsi? ¾ Quali sono i rischi e le opportunità? Le imprese odierne possono scegliere di internazionalizzarsi seguendo diversi percorsi: vendendo i propri prodotti all’estero, alleandosi con 4

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Valentina Abballe Contatta »

Composta da 106 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15025 click dal 22/05/2009.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.