Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La costruzione di una partnership globale nell'ambito degli obiettivi di sviluppo del millennio

il XXI secolo si è aperto con una importante presa di coscienza da parte della comunità internazionale, riflessa nella 'dichiarazione del millennio', che i capi di stato e di governo di tutti gli stati membri dell'organizzazione delle nazioni unite hanno sottoscritto nel settembre del 2000. questa presa di coscienza si sostanzia nella volontà, a livello internazionale, di attivarsi effettivamente per il raggiungimento degli 'obiettivi di sviluppo del millennio': otto traguardi che hanno il fine ultimo di liberare ogni essere umano dalla condizione abietta e disumana della povertà estrema, nonchè quello di rendere il diritto allo sviluppo una realtà per ogni individuo del pianeta. Questa tesi, alla luce di ciò, intende illustrare gli ostacoli che oggi permangono alla realizzazione di tali obiettivi, concentrandosi principalmente su uno di essi: la costruzione di una partnership globale per lo sviluppo sostenibile e approfondendo all'interno di questo obiettivo, il tema del debito estero gravante sui paesi in via di sviluppo...

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il XXI secolo si è aperto con una importante presa di coscienza da parte della Comunità Internazionale, riflessa nella “Dichiarazione del Millennio”, che i Capi di Stato e di Governo di tutti gli Stati membri dell'Organizzazione delle Nazioni Unite hanno sottoscritto nel settembre del 2000. Questa presa di coscienza si sostanzia nella volontà, a livello internazionale, di attivarsi effettivamente per il raggiungimento degli “Obiettivi di Sviluppo del Millennio”: otto traguardi, misurabili ed inequivocabili che hanno il fine ultimo di liberare ogni essere umano dalla condizione abietta e disumana della povertà estrema, nonché quello di rendere il diritto allo sviluppo una realtà per ogni individuo del pianeta. Alla luce di ciò, questa tesi intende illustrare gli ostacoli che oggi permangono alla realizzazione di tali Obiettivi, concentrandosi principalmente su uno di essi: la costruzione di una partnership globale per lo sviluppo sostenibile, approfondendo all'interno di questo Obiettivo, il tema del debito estero dei Paesi in via di sviluppo. Scopo di questo lavoro è presentare un'analisi della situazione attuale, evidenziando gli elementi di criticità che la caratterizzano. A tal fine, data l'attualità dell'argomento in questione, le fonti utilizzate per elaborare il presente lavoro includono monografie e articoli scientifici dedicati al tema, documenti elaborati da organismi internazionali e articoli tratti da quotidiani economici, politici e d'attualità. La presente tesi è suddivisa in tre capitoli, corrispondenti alle tre grandi aree trattate, correlate tra loro: I. Gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio, II. La partnership globale per lo sviluppo sostenibile, III. Il debito estero gravante sui Paesi in via di sviluppo. Il primo capitolo, partendo dalla crisi petrolifera e alimentare degli anni settanta, descrive la storia che ha portato all'approvazione della Dichiarazione del Millennio, e prosegue con una panoramica generale della situazione globale nell'ultimo decennio del XX secolo rispetto a quelli che sono i traguardi stabiliti dalla stessa Dichiarazione. Infine, il capitolo illustra i progressi conseguiti fino al 2008 e si sofferma, inoltre, anche su quelli che risultano essere i parziali fallimenti, constatando, quanto lavoro ancora la Comunità Internazionale deve svolgere, per poter raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo 3

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Emanuela Carinci Contatta »

Composta da 74 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1035 click dal 29/05/2009.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.