Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un'opinione radicale americana sull'Estremo Oriente: Amerasia, 1937-1947

Un'opinione radicale americana sull'Estremo Oriente: Amerasia, 1937-1947

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Se si pensa che la rivoluzione cinese è riuscita ad imporsi contro e nonostante la volontà e l'operato dell'amministrazione americana e se si considera l'isolamento internazionale ai danni della Cina che gli Stati Uniti d'America misero in atto nei decenni successivi alla vittoria comunista, può apparire sorprendente il fatto che nella prima metà del XX secolo i rapporti tra i due paesi fossero, almeno nelle intenzioni, connotati da reciproca simpatia, rispetto e collaborazione. Dall'arrivo nel porto di Canton del mercantile newyorkese Empress of China nel 1784, episodio generalmente considerato come l'avvio delle relazioni sino- americane, un solo anno dopo la nascita stessa degli Stati Uniti d'America come nazione indipendente, all'anno 1949, che vide la definitiva affermazione dei comunisti nella guerra civile, gli USA ebbero sempre la tendenza a vivere il loro rapporto con la Cina come speciale e privilegiato, improntato dal desiderio da parte americana di "fare qualcosa" per risollevare le sorti del Regno di Mezzo, secondo una vocazione missionaria per cui sarebbe rientrato nel "destino manifesto" degli Stati Uniti recare ai sottosviluppati cinesi la buona novella della modernit à, della democrazia e del cristianesimo. In questo quadro gli anni Trenta e Quaranta del XX secolo appaiono come un periodo di svolta decisivo. L'impero inglese è in declino, in Asia come altrove. La potenza statunitense è in ascesa a livello mondiale e l'opinione pubblica sta lentamente prendendo coscienza del nuovo ruolo e delle nuove responsabilit à americane. L'usuale diffidenza verso gli entanglements europei fa volgere l'attenzione di molti verso altre aree del globo. In Asia, la Cina viene vista come il più prezioso alleato degli Stati Uniti, almeno in potenza. L'eredit à missionaria

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Matteo Colombo Contatta »

Composta da 213 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1133 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.