Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La Chiesa cattolica italiana e il mutamento dell'identità comunitaria. Studio di un caso

La tesi si propone di verificare la risposta della chiesa cattolica al mutamento socio-culturale che mette in questione l'efficacia delle sue pratiche pastorali. Ripercorrendo la storia trentennale di una comunità parrocchiale mostra come essa sia riuscita a mantenere attuale la sua proposta religiosa diventando un significativo punto di riferimento esistenziale per molte persone.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Qual è il futuro della Chiesa cattolica? E’ una domanda di rilievo, dal momento che viviamo in un secolo in cui si è posto concretamente il problema della sopravvivenza del cristianesimo [Delumeau 1979]. E non per le persecuzioni, come ai tempi delle prime comunità, ma per l’allontanamento di massa da qualsiasi messaggio religioso, per il diffondersi della più totale indifferenza riguardo al trascendente. Va detto che le previsioni apocalittiche e catastrofiche pronunciate fino ad una ventina d’anni fa possono ormai considerarsi smentite. Oggi come oggi non si può ragionevolmente affermare che il cristianesimo in genere e in particolare il cattolicesimo siano votati all’estinzione; ci sono tanti segni inequivocabili di persistenza e, seppure circoscritti, di rinnovata vitalità del fenomeno religioso. Tuttavia, è altrettanto vero che il panorama religioso è talmente cambiato da rendere impensabile un ritorno al passato: nella stessa Italia, la cui popolazione continua a dichiararsi per la stragrande maggioranza cattolica, i dati di fatto sono costituiti dal pluralismo religioso, dal sincretismo, dalla carenza di vocazioni sacerdotali e religiose, dalla pratica minoritaria, dal soggettivismo etico e così via. Senza contare che il cambiamento non è stato solo esterno alla Chiesa, ma anche interno 1 ; quello che si chiude è infatti il secolo che ha visto la novità del Vaticano II. Questo non significa che il passato vada immaginato, nostalgicamente ed erroneamente, come una sorta di età dell’oro e nemmeno che il presente sia totalmente negativo. Si tratta semplicemente di uno stato di cose da comprendere a fondo e di cui prendere atto nella sua specificità, rendendosi conto che alcune certezze di un tempo sono ora venute meno. Chi pensa che la Chiesa può esistere solo entro un certo tipo di società manca di fede. Per il cristiano, infatti, la realtà della Chiesa trascende i tempi e i confini dei popoli, venendo continuamente rinnovata dallo Spirito (LG 4,9). In ogni società, essa è chiamata a trovare le modalità adatte ad annunciare il Vangelo di sempre. 1 Facciamo notare che la distinzione tra ciò che è intra-ecclesiale e ciò che è extra-ecclesiale necessita di un profondo ripensamento, non trattandosi, come si potrebbe pensare, di due ambiti nettamente distinti quasi fossero contrapposti (cfr. il Capitolo Primo e le Conclusioni).

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Christian Albini Contatta »

Composta da 186 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3122 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.