Skip to content

Tutela civilistica dei diritti della personalità e diffamazione a mezzo stampa

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Toscano
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2007-08
  Università: Seconda Università degli Studi di Napoli
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Riccardo Sgobbo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 210

Nell'ambito del diritto dei mezzi di comunicazione ci si è posti il problema d'inquadrare i due aspetti salienti che meglio lo caratterizzano; ovverosia l'aspetto civile offerto dalla tutela del codice, delle leggi speciali ed internazionali e l'aspetto penale, rappresentato per lo più dal reato di diffamazione, ingiuria ed illecita pubblicazione di atti. Si è giunti ad un lavoro esaustivo attraverso la consultazione di diversi manuali e riviste specialistiche che, offrendo uno spiraglio hanno potuto, se non altro, fermare il tempo quanto allo stato della giurisprudenza. Il titolo del lavoro effettuato è : "Tutela civilistica dei diritti della personalità e diffamazione a mezzo stampa".

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto ed ogni altro mezzo di diffusione”. Questo il tenore del primo comma dell’art. 21 della nostra Carta costituzionale che, pur senza un riferimento esplicito ai diritti della personalità, peraltro richiamati dagli artt. 2 a 54, si pone a fare da spartiacque tra ciò che è lecito dire e ciò che è lecito pensare. Orbene, in una società come la nostra, nella quale abbondano i mezzi di diffusione delle informazioni e queste, veicolate attraverso opportuni canali, giungono direttamente all’utente finale, si pone il problema del limite entro il quale ricondurre la libertà di espressione. Quale libertà costituzionalmente protetta, il diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero spetta a tutti, indipendentemente dalla posizione sociale, dall’ ideologia politica o dal credo dominante in un dato momento storico. Libertà d’espressione significa, soprattutto, libertà di dissentire, ovvero libertà di esprimere parere diverso o contrario da quello da altri manifestato. E’ un dato di fatto, però, che da trent’anni a questa parte il modo di fare informazione sia radicalmente cambiato, come cambiata del resto è anche l’informazione. Se nel dopo guerra erano i giornali e la radio a fornire le notizie, oggi l’era della tecnologia informatica ha stravolto tutto: non una rete statale, ma tre e poi, come se non bastasse, a queste s’affiancano altrettante emittenti parastatali, che svolgono una funzione, per così dire, concorrente con quella istituzionale. A ciò s’aggiunga la miriade di quotidiani e periodici che, seppur assolvendo ad un compito costituzionalmente garantito, da un canto fungono da elementi chiarificatori dell’opinione pubblica sulle problematiche sociali, dall’altro rendono confusa e contorta l’informazione. Il punto cruciale della questione è che la libertà di manifestazione del pensiero, quale diritto costituzionalmente garantito e coperto da riserva assoluta di legge (art. 21 Cost.), dovrebbe essere tutelata e protetta attraverso la diffusione delle notizie su canali sicuri, in grado, cioè, di garantire la verità della notizia, la sua attendibilità e la provenienza da fonti certe. Sennonché, tale principio democratico, che corrisponde all’enunciato dell’art. 21 Cost., risulta gravemente distorto dal fenomeno della proliferazione incontrollata di quotidiani indipendenti, dalle tv private e dalle tecniche multimediali d’informazione. Si ricordi, infatti che la legge sulla stampa n. 47 del 1948 fu approvata dall’assemblea costituente in veste di legislatore ordinario e l’ideologia politica allora dominante non permise un coordinamento effettivo tra il disposto dell’art. 21 Cost. e quanto sancito dalla legge sulla stampa. Infatti, per effetto di quest’ultima, buona parte dell’art 21 Cost. è rimasta per lungo tempo inattuata e solo con le più recenti riforme sembra essersi intrapresa la strada che possa condurre ad un suo pieno riconoscimento.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

diffamazione
diffamazione a mezzo stampa
diffamazione a mezzo stampa e altre forme
diffamazione a mezzo stampa, radio, internet
diritti della personalità
diritti inviolabili
diritti personalissimi
diritto dei mezzi di comunicazione
i diritti costituzionalmente tutelati
i diritti della personalità
la diffamazione
la diffamazione a mezzo stampa
la tutela dei diritti della persponalità
la tutela dei diritti invioabili
tutela civile dei diritti della personalità
tutela civilistica dei diritti della personalità
tutela dei diritti della personalità
tutela dei diritti umani

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi