Skip to content

La Fiat Sata. Aspetti organizzativi ed analisi effetti. ''Cosa ha portato alla rottura del consenso nei '21 giorni' e cos'è ancora rimasto''.

Informazioni tesi

  Autore: Dario Fontana
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Antonio Fasanella
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 242

Il clamore suscitato, dalla protesta operia dei "21 giorni", era anche frutto di una contraddizione in termini di quella fabbrica: come può una fabbrica fondata sul consenso e sulla partecipazione operaia arrivare ad esplodere così, come può una fabbrica incentrata sulla crescita comunitaria ed intellettuale, creare un tale clima di conflitto?
La tesi si basa su due rilevazioni tramite questionario.
La rilevazione è stata effettuata tramite l’utilizzo di un questionario strutturato, principalmente dovuto al numero elevato del campione individuato, questionario in cui si cerca di individuare quali sono i meccanismi critici che non hanno permesso il reale attivarsi del consenso e del conseguente conflitto. Una seconda rilevazione è seguita dopo quasi un anno, per approfondire una criticità delle tante rilevate, cioè quella della fatica fisica, con una particolare attenzione al rischio sulla salute che la metrica e l’organizzazione del lavoro contribuiscono ad accentuare. La seconda rilevazione è stata realizzata con un questionario preso in prestito dalla letteratura della medicina del lavoro, la check-list OCRA.
Ne esce fuori una serie di criticità che fanno riferimento alla vecchia logica taylorista di gestione del lavoro, inserita però in un involucro nuovo. Rispetto alla fatica e al rischio sulla salute in Sata, questo lavoro inizia ad indagare il fenomeno in superficie visto che nessun autore, oltre ad affermare un problema con le velocità o i ritmi più duri, ha mai inteso occuparsene.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La Sata a Melfi è stata la realtà industriale forse più studiata di tutte le altre, di sicuro quella più studiata nell’arco di tempo più breve. Letture d’esaltazione e letture critiche si sono prodotte intorno a quella fabbrica, ma fino agli inizi del 2000, l’impressione prevalente era che quella fabbrica fosse realmente riuscita a far cambiare radicalmente tutti i parametri, fino a un decennio prima conosciuti e prevalenti. Poi venne il fulmine a ciel sereno, dal 17 Aprile al 9 maggio del 2004 scoppiò inaspettatamente, agli occhi anche degli osservatori più attenti, la lotta dei “21giorni”. Una lotta con un carico tale di conflitto, proporzionale solo al grande consenso che tutti gli autori avevano fin li conferito a quella realtà di fabbrica, una specie di azione reazione di un agente chimico. Tale enfasi nella descrizione è data dal fatto che quella protesta aveva assunto connotati di grande adesione di massa quasi immediata, non era una lotta di resistenza ma di avanzamento. Una lotta che non nasceva da qualche programmazione sindacale, infatti, un paio di anni prima gli operai della Fiat erano stati impegnati in una lotta di resistenza contro la chiusura delle proprie fabbriche, come tante avevano attraversato gli anni ’90, portando a casa una redistribuzione della produzione e la cassa integrazione, ma Melfi non fu nemmeno sfiorata da tali provvedimenti. Quei giorni invece gli operai bloccarono la fabbrica per rimettere in discussione quasi tutta la gestione, reclamarono dai tempi al salario, dal clima sociale all’organizzazione del lavoro. Quella mobilitazione parlò molto delle cose dette 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

consenso
fabbrica integrata
fiat
fiat melfi
indice ocra
lavoro
lotta dei 21 giorni
operai
rischio da movimenti e sforzi ripetuti degli arti
rottura
salute e sicurezza sul lavoro
sata melfi
sociologia
tmc2
toyotismo
valutazione del rischio
wcm

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi