Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un'analisi quantitativa della struttura del finanziamento delle imprese cooperativa nel distretto di Imola

Il fenomeno delle cooperative ha una duplice natura: quella sociale, che ne rispecchia il fine, e quella economica che svolge il ruolo di strumento coerente. La tesi si è focalizzata sulle decisioni di finanziamento della loro attività economica. Si è pertanto effettuato una verifica empirica all'interno di una realtà economico territoriale decisamente orientata alla cooperazione: il distretto cooperativo imolese.

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE - 1 - INTRODUZIONE La cooperativa di produzione, unanimemente ritenuta la forma meglio rispondente al concetto di cooperazione, è una società costituita da operai o artigiani i quali, mettono in comune il loro lavoro e loro piccoli capitali, si fanno imprenditori, assumendo i rischi della produzione per goderne l'intero profitto. Essa pone il capitale (in pratica, soprattutto gli strumenti di lavoro) e il lavoro nelle stesse mani dell'operaio, unendo in un tutto unico salario e profitto. Nel corso delle lezioni tenute agli operai di Milano nel 1864, Luigi Luzzatti definisce le cooperative di produzione «il supremo fastigio delle associazioni popolari», dato che il loro intento è «di sottrarre l'operaio al dominio dell'imprenditore e del capitalista col vincolo dell'associazione e della cooperazione» [Luigi Luzzatti] La Repubblica riconosce la funzione sociale della cooperazione a carattere di mutualità e senza fini di speculazione privata. La legge ne promuove e favorisce l'incremento con i mezzi più idonei e ne assicura, con gli opportuni controlli, il carattere e le finalità. [Art. 45 Costituzione della Repubblica Italiana] In termini economici, le cooperative sono imprese governate da un gruppo di persone dove si pone l'uomo al centro della vita sociale e si sperimenta un fare economico compatibile e coerente ai valori di libertà e giustizia che si voglio perseguire. Tutto ciò significa che il fenomeno delle cooperative ha una duplice natura: quella sociale, che ne rispecchia il fine, e quella economica che svolge il ruolo di strumento coerente. La nostra attenzione si è focalizzata sulle modalità di comportamento e più specificamente sulle decisioni di finanziamento della loro attività economica. Uno dei principi storici e fondamentali nelle cooperative è il ruolo meramente strumentale del capitale versato dai soci, ma estremamente importante per il suo funzionamento visto che sono economicamente definit: vere e proprie aziende (Tessitore 1968). I

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Giampiero Bassi Contatta »

Composta da 116 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1226 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.