Skip to content

Forme verbali e strutture temporali nel ''Gian Pietro da Core'' di Gian Pietro Lucini

Informazioni tesi

  Autore: Leonardo Ferrandino
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Udine
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Conservazione dei Beni Culturali
  Relatore: Marco Praloran
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 92

Uno degli elementi più importanti, nel funzionamento di un racconto, è il modo in cui in esso viene rappresentato lo scorrere del tempo. Gli studi di Gérard Genette hanno messo efficacemente in luce la complessità della questione, a partire dalla distinzione basilare – formulata già da Aristotele nella Poetica – fra un tempo oggettivo e lineare, proprio della ‘storia’ (e assimilabile a quello della nostra realtà), e un tempo organizzato gerarchicamente, gestito dal narratore per rappresentare i fatti nel testo. I rapporti tra le due dimensioni possono essere fondamentalmente espressi mediante le categorie di ordine, velocità e frequenza: a partire da questi concetti chiave abbiamo impostato l’analisi della temporalità narrativa del Gian Pietro da Core, unico romanzo pubblicato, sul finire del diciannovesimo secolo, dal milanese Gian Pietro Lucini.
Nella prima parte del nostro lavoro, di carattere più generale, vengono fornite alcune informazioni riguardanti l’autore e il romanzo preso in esame, presentando la figura per molti aspetti singolare di Lucini, scrittore complessivamente ancora non molto conosciuto, e per lo più studiato come poeta e considerato in questo senso un precursore del futurismo. L’opera sulla quale ci siamo soffermati, nonostante sia stata scritta in età giovanile, dimostra un interesse profondo da parte del suo autore per le caratteristiche strutturali e le possibilità comunicative proprie del romanzo, soprattutto per quanto concerne l’elaborazione del discorso dei personaggi e l’intelaiatura temporale che mette in relazione uomo e natura. Il Gian Pietro da Core non è stato ancora sufficientemente chiarito nei suoi aspetti più originali, né adeguatamente inserito (e interpretato) nell’ambito dell’evoluzione della poetica luciniana, fatta eccezione per alcuni studi parziali e per le presentazioni del romanzo in testi di carattere biografico o antologico.
Nella seconda parte della tesi, dedicata con maggior attenzione ad approfondire i problemi connessi alla temporalità nel romanzo, si è ritenuto opportuno indagare l’uso delle voci verbali in particolare per quanto riguarda l’aspetto e il tempo, mettendone in relazione il valore espressivo con la struttura dei singoli capitoli presi in esame. Sono stati scelti, per la loro rappresentatività, il capitolo d’apertura – che offre molti elementi di riflessione relativi sia al trattamento del tempo che alle modalità del discorso dei personaggi – e il terzultimo – nel quale si concentrano la maggior parte delle tipologie discorsive e temporali presenti nell’intero romanzo –; successivamente si è cercato di delineare un quadro complessivo delle questioni affrontate, sulla falsariga fondamentale fornita dal Discorso del racconto di Genette.
Infine, nell’ultima parte, abbiamo tentato di analizzare più da vicino i problemi sollevati dall’originale conformazione della parola dei personaggi, situabile a metà strada tra forma diretta e forma indiretta. Valendoci degli studi di Dorrit Cohn, relativi alle tecniche di rappresentazione dell’interiorità nel racconto, e delle osservazioni di Alberto Bertoni su alcuni punti della poetica luciniana, siamo giunti a ipotizzare una possibile spiegazione per una ‘anomalia’ difficilmente riscontrabile in altri testi non solo dell’epoca. In questa irriducibile contraddizione è forse allora possibile intravedere quella volontà, instancabilmente sperimentale, che contraddistingue tutta l’opera di Lucini, alimentata dall’aspirazione ad una sintesi che, per definizione, può soltanto essere provvisoria.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 FORME VERBALI E STRUTTURE TEMPORALI NEL GIAN PIETRO DA CORE DI GIAN PIETRO LUCINI. INTRODUZIONE. Uno degli elementi più importanti, nel funzionamento di un racconto, è il modo in cui in esso viene rappresentato lo scorrere del tempo. Gli studi di Gérard Genette hanno messo efficacemente in luce la complessità della questione, a partire dalla distinzione basilare – formulata già da Aristotele nella Poetica – fra un tempo oggettivo e lineare, proprio della ‘storia’ (e assimilabile a quello della nostra realtà), e un tempo organizzato gerarchicamente, gestito dal narratore per rappresentare i fatti nel testo. I rapporti tra le due dimensioni possono essere fondamentalmente espressi mediante le categorie di ordine, velocità e frequenza: a partire da questi concetti chiave abbiamo impostato l’analisi della temporalità narrativa del Gian Pietro da Core, unico romanzo pubblicato, sul finire del diciannovesimo secolo, dal milanese Gian Pietro Lucini. Nella prima parte del nostro lavoro, di carattere più generale, vengono fornite alcune informazioni riguardanti l’autore e il romanzo preso in esame, presentando la figura per molti aspetti singolare di Lucini, scrittore complessivamente ancora non molto conosciuto, e per lo più studiato come poeta e considerato in questo senso un precursore del futurismo. L’opera sulla quale ci siamo soffermati, nonostante sia stata scritta in età giovanile, dimostra un interesse profondo da parte del suo autore per le caratteristiche strutturali e le possibilità comunicative proprie del romanzo, soprattutto per quanto concerne l’elaborazione del discorso dei personaggi e l’intelaiatura temporale che mette in relazione uomo e natura. Il Gian Pietro da Core non è stato ancora sufficientemente chiarito nei suoi aspetti più originali, né adeguatamente inserito (e interpretato) nell’ambito dell’evoluzione della poetica luciniana,

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aspetto verbale
cronotopo bachtiniano
diegesi
discorso dei personaggi
discorso raccontato
discorso riferito
discorso trasposto
futurismo
genette
gian pietro lucini
istanza narrativa
mimesi
narrazione
psycho-narration
romanzo sperimentale
schema incidenziale
simbolismo
tempi verbali
tempo del racconto
velocità narrativa
voci verbali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi