Skip to content

La memoria autobiografica ed il racconto di sé

Informazioni tesi

  Autore: Nicola Cerutti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Barbara Ongari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 196

La tsi parte analizzando le caratteristiche dela memoria autobiografica come sistema di memoria indipendente e in parte coincidentente con quello della memoria episodica.
Si passa poi ad analizzare il contenuto dei ricordi autobiografici e la loro struttura, in particolare la dimensione spaziale, quella temporale, quella ricostruttiva e quella sociale.
Precondizioni per parlare di memoria enarrazione sono lo sviluppo della capacità di rappresentazione, di un senso di sé come entità autonoma, delle abilità linguistiche.
L'emerger di queste capacità viene analizzato alla luce della teoria dell'attaccamento di Bowlby, dei campi relazionali di Stern, e dei lavori sui monologhi infantili di K. Nelson. L'importanza di come avvengono le prime interazioni sociali e narrative sarà infatti fondamentale nello sviluppo degli stili narrativi nei bambini e negli adulti.
Vengono po analizzate le caratteristiche generali della narazione e del racconto di sé, basandosi soprattutto sull'opera di J.Bruner eslorando i concetti di pensiero narrativo,di sé sociale, di schemi narrativi sul sé.
Ultima tappa è l'analisi della narratività degli adulti con L'adult Attachment Interview di M.Main che evidenzia stili narrativi che possono essere sovrapposti agli stili di attaccamento evidenziati dalla Strange Situation di M. Ainsworth

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Questa tesi nasce dalla curiosità che mi ha suscitato un piccolo volume di Giovanna Leone sulla memoria autobiografica1. Era il primo libro che leggevo sull‟argomento ma tanto è bastato per voler approfondire. Sono dunque iniziati per me un‟attività di continua scoperta ed un lavoro in continua ridefinizione. Non partivo con nessuna meta prefissata, né tesi da sostenere o verificare. E nemmeno con un progetto unitario già in mente. La tesi riflette questa situazione. Inizia infatti sviluppando quegli argomenti di quel primo opuscolo, trattando dei processi cognitivi della memoria e delle caratteristiche della memoria autobiografica, come quelle sociali e ricostruttive. E‟ solo quando dalla memoria autobiografica voglio passare al racconto di sé che si apre uno scenario molto più vasto e imprevisto. Sapevo di alcuni lavori di Demetrio, ma non immaginavo che il discorso della narrazione coprisse così tante tematiche e così tanti concetti. E‟ dunque iniziato un lavoro di selezione, con la sensazione, ogni volta che un argomento veniva accantonato, di aver perso qualcosa di importante, per focalizzare infine l‟attenzione su alcuni aspetti. La nascita della memoria autobiografica e della narrazione nel bambino e l‟analisi della narrazione dell‟adulto, mettendo in relazione questi due momenti fra loro. Ne è risultato un lavoro che, anche se per sommi capi, ripercorre i momenti e i modi di interazione narrativa dei bambini, con i lavori affascinanti di Bowlby, Stern e Nelson, per poi cercare di comprendere come questi primi momenti interattivi influenzino le rappresentazioni di ognuno, le proprie concezioni di sé, un proprio stile di sviluppo, ma soprattutto un proprio modo di raccontarsi. Spero che queste, per me, inaspettate scoperte possano essere altrettanto rivelatrici per chi leggerà il mio lavoro. Un lavoro che, una volta appresa la vastità delle tematiche risulterà probabilmente solo un buon inizio, e che lascerà dunque molte questioni aperte. Ma, come si comprenderà alla fine, non potrà essere altro che così. 1 Leone. G.(2004), La memoria autobiografica. Carocci, Milano

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi