Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Pittura e fotografia strumenti della ritrattistica: l'opera di Tullio Pericoli, modello per una riflessione

Due sono le anime presenti in questo lavoro, una legata alla fisiognomica nella storia dell’arte e un’altra alla storia della fotografia, alla portata rivoluzionaria di questo mezzo nella percezione dello spazio e del tempo. Entrambe, però, hanno trovato un punto di contatto e confronto proprio nella ritrattistica, poiché il loro approccio al viso e al corpo, pur apparendo immediatamente diverso e per molti aspetti contrastante, ha mostrato, contemporaneamente, reciproche influenze capaci di instaurare un dialogo costante e complesso.
La riflessione sulla ritrattistica di Tullio Pericoli sviluppata da questo studio, ha sicuramente il suo nucleo centrale nell’analisi del rapporto tra disegno e foto, ma tuttavia non poteva tacere riguardo agli inizi dell’artista come vignettista, satirico e, soprattutto, caricaturista. Si è cercato, infatti, di evidenziare come il ritratto caricato della sua produzione artistica matura, intrattenga vari elementi in comune con la caricatura e l’illustrazione

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Spesso è un insieme di eventi, di casi, a spingerci in una determinata direzione, a farci intraprendere una strada che non avevamo preso in considerazione, che conoscevamo ma nella quale non riponevamo alcuna speranza e che, invece, in un attimo si rivela nella sua ineluttabile necessità. Così è nato anche questo studio, che prende in esame, nello specifico, l’opera ritrattistica di Tullio Pericoli. Debbo, infatti, il mio interessamento a questo artista ad un regalo inaspettato, ad un libro, “L’anima del volto”, scritto dallo stesso Pericoli e nel quale egli descrive il suo rapporto con il volto dell’altro, uomo comune o modello di un ritratto, spiegando il fascino e il mistero che questa parte del corpo suscita ogni volta in lui, descrivendo, in oltre, anche le proprie modalità di lavoro, la propria impostazione di un’opera. Da questo regalo è nata una prima scabra impostazione per uno studio che ha trovato la propria chiave di volta in un aspetto affrontato a più riprese da Pericoli, ossia il rapporto tra il suo lavoro e la fotografia, usata come spunto per molti ritratti e, di conseguenza, del rapporto che nasce tra il ritratto disegnato e quello fotografato. Sono così apparse ben nette due anime all’interno dello stesso lavoro, una legata alla fisiognomica nella storia dell’arte e un’altra alla storia della fotografia, alla portata rivoluzionaria di questo mezzo nella percezione dello spazio e del tempo. Entrambe, però, hanno trovato un punto di contatto e confronto proprio nella ritrattistica, poiché il loro approccio al viso e al corpo, pur apparendo

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Daniele De Angelis Contatta »

Composta da 219 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2032 click dal 23/06/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.