Skip to content

L'evoluzione dell'alpicoltura in Valle Orco e Soana dal 1958 al 2005 - Aspetti vegetazionali, strutturali e zootecnici

Informazioni tesi

  Autore: Guido Teppa
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Agraria
  Corso: Scienze Forestali ed Ambientali
  Relatore: Andrea Cavallero
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 409

A partire dal secondo dopoguerra si è assistito in tutti i comuni montani piemontesi ad una notevole diminuzione dell’estensione delle superfici prato - pascolive (compresi gli incolti produttivi) che da 532.490 ha nel 1954, sono passate a 213.381 ha nel 1980 (riduzione pari al 60% circa); analoghe evoluzioni sono state registrate per quanto riguarda il patrimonio zootecnico, che ammontava a 147.790 bovini, 60.521 ovini e 39.775 caprini nel 1956, mentre nel 1980 ammontava a 67.947 bovini, 62.506 ovini e 12.466 caprini, con una riduzione pari al 54% per quanto riguarda i bovini, al 69% per i caprini ed un esiguo aumento pari al 3% circa per gli ovini. Tale decrescita è proseguita sino ad oggi, parzialmente smorzata solo negli ultimi anni, in cui, grazie ad un nuovo impulso giovanile, frutto del rinnovato interesse da parte della dirigenza politica a livello europeo per la sostenibilità agro – ambientale, sono nate nuove aziende agricole e pastorali che mirano ad offrire prodotti di elevato valore nel rispetto delle regole per l’agricoltura biologica o integrata.
Di questo ampio panorama di attività economiche zootecniche che ruota attorno alle risorse prato pascolive di montagna e di alpeggio, oggi sono rimaste poche testimonianze, il tutto travolto dall’esodo umano che ha ampiamente superato il limite fisiologico, dovuto all’estrema colonizzazione di zone marginali e poco ospitali della montagna seguente l’espansione demografica del XVIII e XVIV secolo, per assumere gli aspetti patologici di un male a lungo trascurato. Si rischia quindi di perdere il legame tra uomo e territorio, che per millenni ha consentito una intima evoluzione tra attività antropiche e risorse naturali, sotto l’egida dell’equilibrio tra prelievo e restituzione. Ne sono emblema proprio i pascoli, che costituiscono non solo un patrimonio ecologico – foraggero per tutto il territorio montano, ma recano in sé le tracce di ancestrali cicli di utilizzazione, conservano nei toponimi che li identificano una preziosa fonte storica che colma le lacune della tradizione orale e consente, unitamente al patrimonio architettonico superstite, di ricostruire le vicende della colonizzazione dei territori montani da parte dell’uomo.
Sulla base di queste considerazioni, trova fondamento la realizzazione di uno studio integrato come quello oggetto della presente tesi di laurea, volta ad analizzare la risorsa pascoliva montana mediante l’esame del suo elemento fondante, la vegetazione pastorale, ricostruendo, tramite l’indagine dei fattori che ruotano attorno a questa risorsa, l’evoluzione dell’alpicoltura nel territorio delle Valli Orco e Soana negli ultimi cinquant’anni. L’obiettivo di tali ricerche è quello di porre a disposizione degli amministratori locali e non, uno strumento utile per la gestione e pianificazione di interventi di riqualificazione del territorio montano indagato, con la pretesa che funga da monito e serva a spronare l’iniziativa degli abitanti locali, affinché, sotto la supervisone dei tecnici di settore, siano gli artefici stessi della rinascita di un’economia montana sostenibile, che possa creare benessere in loco portando a soluzione molti problemi oggi dibattuti, parecchi dei quali, in definitiva trovano nella montagna l’unica e vera causa iniziale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

Disponibile solo in CD-ROM.

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
TESI DI LAUREA: L’evoluzione dell’alpicoltura in Valle Orco e Soana dal 1958 al 2005. Aspetti vegetazionali, strutturali e zootecnici Candidato Relatore Guido Teppa Prof. Andrea Cavallero RIASSUNTO: A partire dal secondo dopoguerra si è assistito in tutti i comuni montani piemontesi ad una notevole diminuzione dell’estensione delle superfici prato - pascolive (compresi gli incolti produttivi) che da 532.490 ha nel 1954, sono passate a 213.381 ha nel 1980 (riduzione pari al 60% circa); analoghe evoluzioni sono state registrate per quanto riguarda il patrimonio zootecnico, che ammontava a 147.790 bovini, 60.521 ovini e 39.775 caprini nel 1956, mentre nel 1980 ammontava a 67.947 bovini, 62.506 ovini e 12.466 caprini, con una riduzione pari al 54% per quanto riguarda i bovini, al 69% per i caprini ed un esiguo aumento pari al 3% circa per gli ovini. Tale decrescita è proseguita sino ad oggi, parzialmente smorzata solo negli ultimi anni, in cui, grazie ad un nuovo impulso giovanile, frutto del rinnovato interesse da parte della dirigenza politica a livello europeo per la sostenibilità agro – ambientale, sono nate nuove aziende agricole e pastorali che mirano ad offrire prodotti di elevato valore nel rispetto delle regole per l’agricoltura biologica o integrata. Di questo ampio panorama di attività economiche zootecniche che ruota attorno alle risorse prato pascolive di montagna e di alpeggio, oggi sono rimaste poche testimonianze, il tutto travolto dall’esodo umano che ha ampiamente superato il limite fisiologico, dovuto all’estrema colonizzazione di zone marginali e poco ospitali della montagna seguente l’espansione demografica del XVIII e XVIV secolo, per assumere gli aspetti patologici di un male a lungo trascurato. Si rischia quindi di perdere il legame tra uomo e territorio, che per millenni ha consentito una intima evoluzione tra attività antropiche e risorse naturali, sotto l’egida dell’equilibrio tra prelievo e restituzione. Ne sono emblema proprio i pascoli, che costituiscono non solo un patrimonio ecologico – foraggero per tutto il territorio montano, ma recano in sé le tracce di ancestrali cicli di utilizzazione, conservano nei toponimi che li identificano una preziosa fonte storica che colma le lacune della tradizione orale e consente, unitamente al patrimonio architettonico superstite, di ricostruire le vicende della colonizzazione dei territori montani da parte dell’uomo. La conoscenza e l’interesse per le risorse pascolive d’alpeggio trovano oggi supporto in una crescente cultura per le produzioni legate al territorio, elemento chiave per la conservazione e la sostenibilità della zootecnia di montagna, ed è proprio l’intento di salvaguardare il patrimonio economico – culturale dell’alpe 2 che ha portato alla stesura della presente tesi di laurea organizzata mediante un dettagliato studio ecologico - vegetazionale delle superfici pascolive delle Valli Orco e Soana, supportato da una ricerca sulla variazione del patrimonio zootecnico ed infrastrutturale dal 1958 sino ad oggi, onde evidenziare le trasformazioni avvenute e prevederne le linee evolutive. L’analisi vegetazionale è stata eseguita mediante l’impiego del “metodo quantitativo lineare o fitopastorale di Daget e Poissonet” attraverso cui sono stati condotti 211 rilievi, i cui dati sono stati classificati grazie ad analisi statistiche (Cluster analysis) che hanno permesso di individuare le formazioni pastorali (tipi ed ecofacies) attualmente presenti nelle Valli Orco e Soana. L’utilizzo dei Sistemi Informativi Territoriali abbinati alla georeferenziazione, mediante GPS, di ciascun rilievo ha permesso di determinare le superfici delle varie formazioni pastorali (tipi vegetazionali) attualmente presenti e di desumere (in base allo studio della composizione floristica dei rilevi appartenenti ai tipi) l’entità superficiale dei tipi pastorali presenti cinquant’anni fa, in funzione anche delle condizioni stazionali (evidenziate mediante caratterizzazione ecologica indiretta basata sull’applicazione degli indici ecologici di Landolt alle specie che compongono i rilievi), e di giacitura. Per ogni tipo vegetazionale è stato calcolato il Valore Pastorale medio, attraverso cui si può risalire al carico animale mantenibile espresso in Giorni di Pascolamento totali. Attraverso il confronto tra carico mantenibile ed attuale (calcolato in base ai dati dei capi attualmente monticati, forniti dalla Comunità Montana Valli Orco e Soana) è stato possibile determinare l’entità del sottoutilizzo a cui sono attualmente soggette le superfici pascolive in nelle Valli oggetto di studio. 2 per “alpe” si intende proprio il significato del termine come ci giunge dal gallico “alpes”, quando negli scritti del grammatico Servius (fine IV secolo dopo Cristo) si spiega come i Galli intendessero indicare con tale appellativo sia le “alte montagne” che “la zona dei pascoli per eccellenza”, comprendendo tutto il patrimonio culturale (dalle infrastrutture alle tecniche di caseificazione, dalle pratiche gestionali al patrimonio zootecnico allevato e selezionato in modo adeguato alle diverse caratteristiche ambientali) che ruota attorno a tale risorsa. - Informazioni tratte dal n° 1 della rivista “L’Alpe” – Priuli e Verlucca Editori

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

Disponibile solo in CD-ROM.

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alpeggio
alpicoltura
architettura
attività antropiche
carico attuale
carico mantenibile
censimento
demografia
ecologia
economia montana
escursionismo
facies pastorali
fitopastorale
foraggero
indici di landolt
paesaggio
prodotti caseari
tipi pastorali
turismo
unità bovina adulta
valle orco
valle soana
valore pastorale
zootecnia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi