Skip to content

La negoziazione di titoli azionari in Italia ad un anno dall'entrata in vigore della direttiva MiFID

Informazioni tesi

  Autore: Greta Orsi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Scienze linguistiche e letterature straniere
  Corso: Management Internazionale
  Relatore: Annalisa Verna
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 180

Nell'ultimo decennio, il contesto finanziario nazionale ed internazionale, in particolar modo europeo, si è visto protagonista di intensi mutamenti di matrice istituzionale ed economica, prima tra tutti, l'introduzione della moneta unica, seguita dall'implementazione di tecnologie sofisticate relative alle procedure di negoziazione e dall'ampliamento della platea di clienti retail che si sono affacciati al mercato azionario.
Tutti questi cambiamenti evolutivi sono stati affiancanti da una costante opera di armonizzazione delle normative indirizzate all'Unione Europea e dall'importante processo di creazione di conglomerati finanziari, di internazionalizzazione del sistema bancario e di integrazione delle borse europee, talune motivate da scelte di business, altre dall'intento di divenire maggiormente competitive, altre ancora, semplicemente per garantirsi una sopravvivenza o maggiori opportunità.
In un contesto quale quello appena descritto, si è presentata sul panorama europeo una riforma volta a porre le basi per la costruzione di un mercato azionario integrato, in linea con le altre dinamiche evolutive del continente; una riforma che ha portato gli intermediari che ne hanno saputo approfittare a riformulare le proprie strategie di gestione e le proprie procedure organizzative; una riforma atta ad accrescere le condizioni di armonizzazione delle normative, dei canali di negoziazione e dell'esecuzione delle transazioni a livello europeo. Tale riforma è stata indicata con la denominazione di "direttiva MiFID", e coinvolge i 27 Paesi dell'Unione Europea (oltre ad altri 3 Paesi non appartenenti all'UE: Islanda, Liechtestein e Norvegia).
Questa normativa prevede una serie di interventi volti a creare un terreno omogeneo a livello europeo sul quale effettuare le operazioni sui titoli, anche con l'obiettivo di contrastare la tendenza, causata dalle disparità relative ai sistemi di regolamento esistenti in Europa nonché dai costi elevati delle operazioni transfrontaliere, di limitare gli investimenti ai rispettivi mercati nazionali.
Per questo motivo, sono state introdotte norme finalizzate a garantire la tutela dell'investitore ed una sua maggiore consapevolezza nelle scelte di investimento in un regime di trasparenza assoluto garantito dagli intermediari; è stato eliminato l'obbligo di concentrazione degli scambi sui Mercati Regolamentati, che aveva costituito un ostacolo alla concorrenza tra le piazze finanziarie, con la conseguente opera di liberalizzazione delle negoziazioni a livello europeo; sono stati infine previsti degli obblighi di efficienza del mercato e di garanzia di esecuzione degli ordini in modo da poter offrire il miglior risultato possibile per i clienti.
In questo processo, un ruolo fondamentale è assunto dalle Autorità di vigilanza, che devono necessariamente riuscire a superare un approccio regolamentare "in house" per permettere un processo di cooperazione comunitario nel senso più esteso del termine e per consentire che gli effetti positivi dell'integrazione sull'economia europea si manifestino pienamente, senza però compromettere i risultati già raggiunti in ambito nazionale.
La MiFID ha inoltre determinato la formazione di una nuova struttura del mercato mobiliare, più frammentata ma anche più competitiva, attraverso l'introduzione di nuovi canali di negoziazione: ai tradizionali Mercati Regolamentati si sono infatti affiancati i Multilateral Trading Facilities (MTFs) e gli intermediari che scelgono di operare in qualità di Internalizzatori Sistematici, entrambe strutture in grado di offrire servizi di negoziazione sotto molti aspetti equiparabili a quelli erogati dalle tradizionali borse.
In questo modo, si pongono le premesse di una regolamentazione volta ad ottimizzare l'efficienza dei mercati azionari europei ed a valorizzare la loro importanza quali fonti di finanziamento per le imprese e quali condizione necessaria per lo sviluppo di altri comparti economici fondamentali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
10 INTRODUZIONE Nell'ultimo decennio, il contesto finanziario nazionale ed internazionale, in particolar modo europeo, si è visto protagonista di intensi mutamenti di matrice istituzionale ed economica, prima tra tutti, l'introduzione della moneta unica, seguita dall'implementazione di tecnologie sofisticate relative alle procedure di negoziazione e dall'ampliamento della platea di clienti retail che si sono affacciati al mercato azionario. Tutti questi cambiamenti evolutivi sono stati affiancanti da una costante opera di armonizzazione delle normative indirizzate all'Unione Europea e dall'importante processo di creazione di conglomerati finanziari, di internazionalizzazione del sistema bancario e di integrazione delle borse europee, talune motivate da scelte di business, altre dall'intento di divenire maggiormente competitive, altre ancora, semplicemente per garantirsi una sopravvivenza o maggiori opportunità. In un contesto quale quello appena descritto, si è presentata sul panorama europeo una riforma volta a porre le basi per la costruzione di un mercato azionario integrato, in linea con le altre dinamiche evolutive del continente; una riforma che ha portato gli intermediari che ne hanno saputo approfittare a riformulare le proprie strategie di gestione e le proprie procedure organizzative; una riforma atta ad accrescere le condizioni di armonizzazione delle normative, dei canali di negoziazione e dell'esecuzione delle transazioni a livello europeo. Tale riforma è stata indicata con la denominazione di "direttiva MiFID", e coinvolge i 27 Paesi dell'Unione Europea

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adeguatezza
appropriatezza
banca d'italia
best execution
borsa
concentration rule
consob
direttiva
execution only
fsap
internalizzatore
internalizzazione
mercati regolamentati
mifid
mtf
multilateral trading facility
profilatura
sistematico
sistemi di scambio organizzati
sso
tecnologia
trading venues
trasparenza
turquoise

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi