Skip to content

Spettatori stagionali: evoluzione dell'esercenza tra globale e locale

Informazioni tesi

  Autore: Agnese Cecchini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Comunicazione di impresa
  Relatore: Michele Sorice
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 160

Il primo capitolo definisce gli strumenti di indagine e l’oggetto di ricerca: la filiera cinematografica. Questa, come vedremo, è suddivisa in cinque fasi: creazione, produzione, realizzazione, distribuzione ed esercenza.
Il secondo capitolo focalizza la storia dell’industria cinematografica italiana, nell’intervallo tra gli anni ’30 ed i ’90, ponendo rilievo ai differenti aspetti sociali, culturali, storici ed economici che ne hanno influenzato lo sviluppo.
Le problematiche attuali vengono affrontate nel terzo capitolo, al fine di verificare l’effettiva maturazione dell’industria fase per fase. Si inizia da un analisi comparativa tra il sistema antecedente e l’attuale, definendo come spartiacque l’inizio del nuovo millennio.
A seguito di un excursus dei singoli stadi e le interazioni tra questi e le nuove dinamiche sociali, viene messa in evidenza l’evoluzione della propensione al consumo dello spettatore. Stabiliti i termini entro cui si sta svolgendo l’analisi, si definisce il concetto di “ciclo di vita” e la sua applicazione all’industria cinematografica.
Si delinea quindi l’andamento delle stagioni cinematografiche dal 2000 al 2004. A seguito di un’analisi comparativa emerge l’effettiva estensione della stagione italiana, e se ne analizzano le cause ed i potenziali ostacoli.
Il quarto capitolo esplicita le motivazioni che fanno dell’annualità un evento necessario alla sopravvivenza dell’industria. A tal fine è chiarificatrice l’intervista a Piera Berneschi. Le conclusioni del nostro percorso ci portano ad ipotizzare l’esistenza di una “cultura dell’annualità”, per quanto ancora i comparti della filiera non mostrino di possedere un uniforme fiducia in riferimento alla stabilità del fenomeno.
Un epilogo in chiave europea conclude l’elaborato. L’ultimo capitolo prospetta un obiettivo raggiungibile: la circolazione dei film in ambito europeo. Questa comporterebbe l’allargamento del ciclo di vita delle pellicole. Ipotizziamo quindi una valorizzazione delle relazioni tra Italia e Francia. A tal fine si prospetta un excursus sulla cinematografia francese che evidenzi, a fronte di quanto già detto sull’industria italiana, le similitudini storiche e le differenti tipologie adottate nella risoluzione di problematiche analoghe.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Questo lavoro è nato per approfondire l’argomento, a me caro, della produzione filmica italiana. Inizialmente, in virtù dei numerosi tratti comuni, avevo prospettato di istituire un confronto con l’altro importante filone cinematografico europeo, quello francese. Lo scopo dell’analisi era di evidenziare i limiti della filiera cinematografica nei due paesi e tentare di prospettare eventuali soluzioni. A tal fine ho intrapreso un’indagine sulle origini dell’industria cinematografica nelle due nazioni, estrapolando i diversi agenti che, di volta in volta, hanno influenzato lo sviluppo della filiera e dell’industria culturale. Durante l’analisi del periodo attuale ho constatato che l’impostazione del mio percorso di ricerca tendeva a portare l’elaborato oltre il livello compilativo. Tra gli elementi accumulati nell’indagine avevo rintracciato alcuni fenomeni “in divenire” che meritavano di essere catturati tra le pagine. Consultando numerose fonti di informazione specialistiche ho potuto analizzare diverse interviste ad operatori del settore, riscontrando una problematica ricorrente: la “stagionalità” della cinematografia italiana. Delineato tale oggetto di indagine, ho organizzato l’elaborato in cinque capitoli. Nel primo capitolo ho delineato gli oggetti della ricerca ed individuato strumenti di indagine più idonei, dando quindi una definizione di “filiera cinematografica”. Nel secondo capitolo ho analizzato le origini dell’industria cinematografica italiana e descritto i principali eventi occorsi tra gli anni ‘30 e ’90. Nel corso di questa indagine ho tentato di focalizzare i differenti aspetti sociali, culturali e storici che hanno influenzato lo sviluppo dell’industria. Le problematiche legate al periodo attuale le ho affrontate nel terzo capitolo, con l’intento di verificare l’effettivo sviluppo della filiera “fase per fase”. Ho iniziato con un analisi comparativa tra il sistema antecedente e l’attuale, definendo come spartiacque l’inizio del nuovo millennio. Esaminando i singoli 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

anica
blidding
blind
block
booking
boxoffice
ciclo
cinema
cnc
de laurentiis
esercenza
filiera
francia
gaumount
italia
marketing
pathé
ponti
produzione
sofica
stagione
titanus
ugc
vita

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi