Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Fondi Sovrani: analisi e funzioni

La profonda crisi finanziaria iniziata nell’Agosto del 2007 in principio ha come protagonisti Stati Uniti e Unione Europea, ossia il cuore del sistema economico mondiale. La carenza di sorveglianza e di controllo sulle attività delle banche d’affari negli Stati Uniti, le scelte errate di politica economica e l’avidità di soggetti privati, hanno portato alla così nota crisi dei mutui subprime. Tale crisi ha creato un forte clima di sfiducia, dove molti colossi bancari sono crollati e altri per evitare il fallimento hanno dovuto coprire le perdite con iniezioni di capitale. In questa ondata di liquidità un ruolo fondamentale è stato svolto dai sovereign wealth funds. Il prezzo da pagare è stata la cessione – almeno parziale – di grandi banche internazionali nelle mani di governi stranieri, spesso autoritari e poco trasparenti. Non esiste in letteratura una definizione universalmente accettata di fondo sovrano, il Sovereign Wealth Fund Institute li definisce come:- “fondo d’investimento statale composto da beni finanziari come azioni, obbligazioni, beni immobili, derivati e altri strumenti finanziari in valuta estera, ma possono investire anche in aziende nazionali1”. In base all’origine si distinguono fondi commodity che appartengono a Stati ricchi di materie prime e fondi non-commodity che derivano da un eccesso di riserve ufficiali. La loro grande disponibilità di capitale è stata accompagnata da interrogativi e paure relativamente al loro effettivo scopo: economico o politico?

Mostra/Nascondi contenuto.
6    CAPITOLO I INTRODUZIONE 1.1 – Oggetto e struttura del lavoro La profonda crisi finanziaria iniziata nell’Agosto del 2007 in principio ha come protagonisti Stati Uniti e Unione Europea, ossia il cuore del sistema economico mondiale. La carenza di sorveglianza e di controllo sulle attività delle banche d’affari negli Stati Uniti, le scelte errate di politica economica e l’avidità di soggetti privati, hanno portato alla così nota crisi dei mutui subprime. Tale crisi ha creato un forte clima di sfiducia, dove molti colossi bancari sono crollati e altri per evitare il fallimento hanno dovuto coprire le perdite con iniezioni di capitale. In questa ondata di liquidità un ruolo fondamentale è stato svolto dai sovereign wealth funds. Il prezzo da pagare è stata la cessione – almeno parziale – di grandi banche internazionali nelle mani di governi stranieri, spesso autoritari e poco trasparenti. Non esiste in letteratura una definizione universalmente accettata di fondo sovrano, il Sovereign Wealth Fund Institute li definisce come:- “fondo d’investimento statale composto da beni finanziari come azioni, obbligazioni, beni immobili, derivati e altri strumenti finanziari in valuta estera, ma possono investire anche in aziende nazionali 1 ”. In base all’origine si distinguono fondi commodity che appartengono a Stati ricchi di materie prime e fondi non-commodity che derivano da un eccesso di riserve ufficiali. La loro grande disponibilità di capitale è stata accompagnata da interrogativi e paure relativamente al loro effettivo scopo: economico o politico? Queste preoccupazioni sono legate: • vero patrimonio celato dietro i fondi sovrani, in quanto non tutti gli Stati pubblicano le proprie cifre in modo esaustivo, ad eccezione di qualcuno come la Norvegia e come di recente stanno facendo la Cina e Singapore; • gli obiettivi e strategie d’investimento dei principali fondi, che sono considerati strategici dal punto di vista economico e politico in quanto rivolte verso attività con elevato rischio-rendimento o ancora finalizzati ad accrescere il know-how del Paese di appartenenza;                                                              1  Sovereign Wealth Fund Institute. 

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Manuel Di Falco Contatta »

Composta da 76 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1983 click dal 23/06/2009.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.