Skip to content

L'introduzione della MiFID ed i suoi effetti su mercati, intermediari ed investitori

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Di Giacomantonio
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Direzione delle Imprese - Finanza d'Impresa
  Relatore: Francesco Capriglione
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 308

Il processo d’integrazione economica europea, con riferimento all’ordinamento finanziario, sta vivendo una seconda stagione di riforme, destinata a mutare profondamente la regolamentazione di intermediari, mercati finanziari ed emittenti. Sul finire dello scorso millennio il processo di integrazione comunitario, finalizzato alla creazione di un mercato unico europeo per i servizi finanziari, è stato sottoposto ad una revisione critica, avutasi sia per l’aumento dei volumi e l’accelerazione delle dinamiche finanziarie, sia in virtù dell’introduzione della moneta unica, che ha contribuito alla creazione di una zona valutaria più ampia, liquida e stabile, creando così condizioni di mercato favorevoli per l’operatività degli emittenti, degli asset manager e per una maggiore competizione tra intermediari. L’analisi condotta ha posto in evidenza la necessità di disciplinare le materie “finanziarie” e “collaterali”, essendo la normativa sviluppata secondo un disegno disarticolato e non uniforme. È emersa altresì l’esigenza di addivenire ad un maggior grado di coerenza ed omogeneità di applicazione delle norme, in considerazione delle divergenze applicative riscontrate nella trasposizione delle direttive nei singoli ordinamenti nazionali, divergenze che potrebbero costituire fonte di arbitraggi regolamentari. Il mercato europeo si presenta oggi più complesso ed il confine tra mercati ed intermediari è diventato più labile. Sono nati, in particolare, sistemi alternativi di esecuzione delle transazioni2 che si affiancano sia ai servizi di investimento tradizionali (negoziazione o raccolta ordini) sia ai mercati regolamentati. Il presente lavoro si prefigge l’intento di delineare le principali novità apportate dalla Direttiva 2004/39/CE (c.d. MiFID) in materia di mercati, intermediari ed investitori. Le norme di recepimento della MiFID costituiscono un’occasione determinante per la configurazione di un quadro normativo ed un sistema di vigilanza adeguati alle esigenze di tutela degli investitori ed in grado di offrire nuove opportunità di sviluppo al sistema finanziario italiano. In tal senso si procederà come segue. Il primo capitolo è dedicato all’evoluzione della disciplina comunitaria, dall’internazionalizzazione dei sistemi finanziari, passando per le direttive in materia bancaria emanate negli ultimi decenni del secolo appena trascorso, per giungere alle motivazioni che hanno sollecitato la riconsiderazione dell’impianto regolatorio, evidenziando la necessità di una rivisitazione della normativa che ha condotto alla MiFID. Il secondo capitolo offre una visione generale dell’impianto della Direttiva in parola, osservando la sua struttura, l’iter normativo che ha condotto alla stessa nonché un quadro d’insieme delle principali novità che questa ha introdotto nell’ordinamento italiano. Il terzo capitolo entra nel dettaglio delle novità intercorse per intermediari ed investitori. Ritrae gli aspetti salienti della normativa per tali soggetti, per poi trattare l’evoluzione della disciplina comunitaria in materia di conflitto d’interesse, soffermandosi sui principi di adeguatezza, appropriatezza e best execution di cui la MiFID si fa portatrice, e concludendo con la classificazione della clientela introdotta dalla Direttiva in parola. Il quarto capitolo approfondisce le novità intervenute in materia di mercati. Inizia evidenziando i mutamenti dei mercati nel corso dei decenni, approfondendo sulla competizione tra le diverse Trading Venues, sulla trasparenza pre e post trading e sulle strutture di clearing and settlement, infine, l’ultimo paragrafo è dedicato alla direttiva sugli abusi di mercato, Direttiva n. 2003/6/CE. Il quinto ed ultimo capitolo evidenzia infine come il ruolo delle Autorità di settore sia stato modificato dalla Direttiva in parola, anche in relazione all’introduzione del cd. regime di transaction reporting, teso ad agevolarne la funzione di vigilanza. Si considerano poi gli obblighi di comunicazione alla Consob sulle operazioni concluse, i soggetti sottoposti a tale obbligo, gli strumenti finanziari e le obbligazioni nonché contenuti, tempistiche e modalità di invio delle comunicazioni all’Autorità di riferimento. Il quinto capitolo conclude poi con una breve riflessione sui mercati integrati europei. Data la vastità delle tematiche affrontate dalla Direttiva, consegue la scelta di meglio analizzare profili che più di altri la caratterizzano e consentono di coglierne la pervasività ed evidenziare i profondi intrecci tra obiettivi, operatori coinvolti, servizi di investimento regolati, azioni adottate, attività di enforcement e ruoli assegnati alle Autorità dei diversi paesi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione 9 Introduzione Il processo di integrazione economica europea, con riferimento all ordinamento finanziario, sta vivendo una seconda stagione di riforme, destinata a mutare profondamente le regole relative agli intermediari, ai mercati finanziari ed agli emittenti. Fino al 1999, obiettivo delle direttive in ambito bancario, finanziario ed assicurativo, Ł stato inizialmente assicurare uguali requisiti di accesso alle attivit medesime ed in seguito, in un ottica di maggiore integrazione, quello di consentire agli operatori la possibilit di svolgere nei Paesi comunitari le loro attivit usuf ruendo delle regole del loro Paese d origine, sulla base del principio del mutuo riconoscimento e dell home country control. Sottesa ai predetti principi, Ł la necessit che le direttive assicurino un livello minimo di armonizzazione delle regole dei vari Paesi (cd. armonizzazione minimale), ed altres che i legislatori dei singoli Paesi convergano verso standard normativi sostanzialmente uniformi, incentivati dall obiettivo di evitare fenomeni di reverse discrimination a danno degli

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

2004/39/ce
adeguatezza
appropriatezza
direttiva comunitaria
diritto intermediari
diritto mercati
execution only
finanziario
intermediari
intermediari finanziari
investitori
mercati
mifid
strumenti finanziari

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi