Skip to content

La conoscenza condivisa e i nuovi paradigmi della comunicazione 2.0

Informazioni tesi

  Autore: Gianluigi Cogo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Agostino Cortesi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 126

Il rapido affermarsi del “web sociale” o “web delle persone”, così come l‟insieme degli stili di vita derivati e associati alle dinamiche che ne stanno decretando il successo, aprono un possibile scenario e una serie di opportunità anche per le organizzazioni.
L‟affermazione di questo web evoluto (o web 2.0) e dei servizi che lo contraddistinguono non solo permette alle aziende e alle istituzioni di rivedere alcuni paradigmi funzionali e organizzativi ma consente anche di ridisegnare alcuni processi fondamentali, utili per la loro crescita.
Gli obiettivi della tesi sono: analizzare i modelli di partecipazione e condivisione che
accompagnano la cultura digitale e gli stili di vita ad essa associati; analizzare le principali caratteristiche di una “struttura tecnologica di supporto” generalista e di una più specifica per la Pubblica Amministrazione (sostanzialmente dei framework a sostegno delle dinamiche di Enterprise 2.0).
Per fare ciò è stato necessario affrontare tematiche molto diverse: dal cambiamento nel modo di comunicare dentro e fuori le organizzazioni, alla disamina degli effetti della condivisione della conoscenza nella progettazione e nella programmazione, fino all‟analisi delle reti sociali e delle dinamiche fondamentali sulle quali le stesse si sviluppano e si evolvono.
Come metodologia per formulare la tesi si è ritenuto utile analizzare l‟impatto che l‟adozione di tecnologie 2.0 ha determinato in una intranet pubblica e, come fonte principale per l‟analisi, si è studiato il caso della intranet di Regione Veneto.
Il lavoro di redazione si è avvalso, inoltre, di una ricerca sulla normativa e sulle linee guida in materia di Innovazione nella Pubblica Amministrazione ed è stato focalizzato sulla possibile definizione di un framework a sostegno del paradigma: eGovernment 2.0.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
La conoscenza condivisa e i nuovi paradigmi della comunicazione 2.0 Pagina 6 1 - Il bisogno di condividere la conoscenza 1.1 - La filosofia della conoscenza L‟interesse sul tema della “conoscenza” ed il fascino intellettuale che lo accompagna sono relativamente recenti, anche se l‟interesse attorno alle tematiche del sapere, del conoscere e del condividere già affascinavano le civiltà del passato, per lo meno sin dell‟origine della disciplina filosofica, la cui etimologia richiama l‟“amore per la conoscenza”. Per gli uomini antichi la “conoscenza” era soprattutto un concetto soggettivo legato al paradigma della certezza tangibile, così ben espresso da Abbagnano nel suo “Dizionario di filosofia”: "In generale, col termine conoscenza si intende una tecnica per l‘accertamento di un oggetto qualsiasi, o la disponibilità o il possesso di una tecnica siffatta. Per tecnica di accertamento va intesa una qualsiasi procedura che renda possibile la descrizione, il calcolo o la previsione controllabile di un oggetto; e per oggetto va intesa qualsiasi entità, fatto, cosa, realtà o proprietà, che possa essere sottoposta a tale procedura…Come procedura di accertamento, ogni operazione conoscitiva è diretta ad un oggetto e tende a instaurare con l‘oggetto stesso un rapporto dal quale emerga una caratteristica effettiva di esso. Pertanto le interpretazioni della conoscenza che sono state date nel corso della storia della filosofia si possono considerare come interpretazione di questo rapporto e come tale ricondurre a due alternative fondamentali: 1) per la prima interpretazione, quel rapporto è una identità o simiglianza (intendendosi per simiglianza un‘identità debole o parziale) e l‘operazione conoscitiva è una operazione di identificazione con l‘oggetto o di riproduzione di esso; 2) per la seconda alternativa, il rapporto conoscitivo è una presentazione dell‘oggetto e l‘operazione conoscitiva una procedura di trascendenza. Secondo questa dottrina, conoscere significa venire in presenza dell‘oggetto, puntare su di esso o, col termine preferito dalla filosofia contemporanea, trascendere verso di esso. La conoscenza è allora

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi