Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le immigrate viste dai sardi. Immagini e stereotipi delle donne straniere nei quotidiani della Sardegna

Questa tesi di ricerca, effettuata con metodologia qualitative e quantitative, tende a rilevare il peso delle donne immigrate sulla stampa locale sarda in termini di visibilità e dunque di indagare le rappresentazioni e gli stereotipi principali con cui i due maggiori quotidiani sardi, L'Unione Sarda e La Nuova Sardegna (di cui si sono analizzate le edizioni del 2005), descrivono le nuove presenze straniere.
Gli aspetti innovati del lavoro che sottende la tesi sono principalmente due: l'utilizzo dell'ottica di genere in quando lo studio della rappresentazione femminile è associato all'indagine della rappresentazione che i quotidiani danno dell'uomo migrante, e la domensione territoriale: la Sardegna è infatti una regione che presenta delle peculiarità sul tema delle migrazioni, sia rispetto ai dati fisici del fenomeno che agli aspetti culturali. Essa infatti si presenta come terra di emigrazione e di immigrazione nello stesso tempo e ciò sembra incidere sull'approccio al fenomeno.

Mostra/Nascondi contenuto.
[Digitare il testo]  Pagina 2  A. Piredda “Le immigrate viste dai sardi. Immagini e stereotipi delle donne straniere nei quotidiani della Sardegna” CAPITOLO 1 Le migrazioni del terzo millennio 1.1. L’uomo: una specie migrante Gli esseri umani possono essere considerati una specie migratoria, infatti nella storia dell’umanità sono continui i viaggi e i movimenti da un territorio all’altro di singoli individui e di collettività. Dal momento che le migrazioni sono processi fluidi ed eterogenei che assumono caratteristiche diverse a seconda delle epoche e dei contesti storici, non è facile definire in assoluto che cosa sono le migrazioni, né chi sia il migrante, in quanto le definizioni variano a seconda dei sistemi giuridici, delle epoche storiche e delle contingenze politiche. Una proposta utile è, a parer di chi scrive, la definizione data dalle Nazioni Unite: “è migrante una persona che si è spostata da un Paese diverso da quello di residenza abituale e che vive in quel Paese da più di un anno” [Ambrosini 2005, p.17]. Come tutte le definizioni che si confrontano con fenomeni così complessi come quello in questione, anche questa che abbiamo scelto è dunque una definizione incompleta, riduttiva. Essa si basa infatti su tre soli elementi (lo spostamento da un Paese ad un altro; un Paese che è diverso da quello d’origine o in cui il migrante ha vissuto abitualmente; la permanenza prolungata di almeno un anno nel Paese d’arrivo) e non comprende coloro che permangono nella nuova destinazione per periodi inferiori ad un anno, le migrazioni interne, cioè gli

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Angela Piredda Contatta »

Composta da 80 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1131 click dal 02/09/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.