Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Bresson e Dostoevskij: ''Une femme douce''


La presenza di Dostoevskij nel cinematografo bressoniano , dopo il “sottosuolo” presente e operante in “Pickpocket” (“Delitto e Castigo”) e “Au hasard Balthazar” (“L’idiota”) , diviene esplicita nei due film usciti dopo il ’68 : “Une femme douce” (1969) e “Quatre nuits d’un rêveur” (1971) , tratti rispettivamente da due brevi racconti dello scrittore russo , “La Mite” e “Le notti bianche”. Tenterò di analizzare il primo dei due film citati , con continui richiami e rimandi al secondo e al rapporto che li lega indissolubilmente all’universo dostoevskiano…

1.1- La premessa di Dostoevskij a “La Mite”
Nel fascicolo del novembre 1876 del Diario di uno scrittore apparve, per la prima volta , “La Mite”. Questo breve racconto appartiene alla maturità di Dostoevskij , esso è posteriore alla maggior parte dei suoi grandi romanzi (“Delitto e Castigo” , per esempio , è del 1866). Il racconto molto si differenzia da “Le notti bianche” , che appartengono , invece, alla giovinezza dell’autore , antecedenti alla traumatica esperienza del carcere siberiano , per la tragicità della storia narrata. Il punto di partenza sono due fatti di cronaca nera del periodo : due suicidi inspiegabili di giovani ragazze. Una di esse , una povera popolana , si getta dal quarto piano di un caseggiato pietroburghese , stringendo al petto un’icona sacra. Immagine forte e potente che ritornerà invariata nel finale del racconto del 1876. Lo scrittore , colpito dalla tragica veemenza dei due drammatici episodi (ne traccerà anche un breve resoconto nel Diario) , ricostruisce il processo interiore di un suicidio , quello appunto della mite del titolo , come reazione orgogliosa ed estrema al clima di oppressione creato attorno a lei da un marito geloso e despota. Il tema della fanciulla offesa non è nuovo nello scrittore russo , esso è infatti presente in molte altre sue opere : Nelly di “Umiliati e offesi”(1861) , la giovane fanciulla violentata nel sogno del perfido Svidrigailov , prima del suo suicidio , e la triste Lizaveta di “Delitto e Castigo” , Liza de “L’eterno marito”…
Nel sottotitolo de “La mite” , la novella è definita da Dostoevskij “racconto fantastico” , chiarendo nella premessa che l’aggettivo in questione si riferisce non alla materia narrativa , in quanto quest’ultima è ritenuta “al più alto grado realistica” e drammatica (“immaginatevi un marito che abbia dianzi a sé sopra una tavola la moglie suicida , gettatasi dalla finestra poche ore prima” ) , ma alla forma della narrazione.
Fantastico è la specie di monologo interiore del marito dianzi al cadavere , il brancolare tormentoso del suo discorso , l’accavallarsi dei ricordi , delle giustificazioni , dei rimorsi.
Egli narra la triste vicenda della loro tormentata storia coniugale , tentando di chiarirla a se stesso , di mettere ordine ai fatti , di “ricondurre i propri pensieri a un punto unico”.
Ora parla a se stesso , ora sembra rivolgersi “a un invisibile ascoltatore , a una sorta di giudice”. E’ come , continua Dostoevskij nella premessa , se “uno stenografo avesse avuto la possibilità di ascoltarlo e di trascrivere tutto quello che diceva… è appunto questa supposizione dello stenografo che ha annotato ogni cosa (e del quale io avrei elaborato , dopo , lo scritto) ciò che in questo racconto chiamo fantastico.”.
La premessa si conclude con una significativa osservazione su Victor Hugo, il quale nel suo capolavoro “L’ultimo giorno di un condannato a morte” ha utilizzato lo stesso procedimento , supponendo che un condannato nell’ultimo giorno e negli ultimi istanti di vita , prima dell’esecuzione , riuscisse a trovare il tempo materiale per trascrivere i suoi pensieri e sensazioni . Senza questo espediente narrativo inverosimile e fantastico , la sua opera , “ la più realistica e la più vera di tutte quelle da lui scritte ” , non sarebbe esistita. Il racconto vero e proprio è l’insieme di due parti ; la prima consta di sei capitoli , la seconda , più breve , di quattro.

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1: Introduzione La presenza di Dostoevskij nel cinematografo bressoniano , dopo il “sottosuolo” presente e operante in “Pickpocket” (“Delitto e Castigo”) e “Au hasard Balthazar” (“L’idiota”) , diviene esplicita nei due film usciti dopo il ’68 : “Une femme douce” (1969) e “Quatre nuits d’un rêveur” (1971) , tratti rispettivamente da due brevi racconti dello scrittore russo , “La Mite” e “Le notti bianche”. Tenterò di analizzare il primo dei due film citati , con continui richiami e rimandi al secondo e al rapporto che li lega indissolubilmente all’universo dostoevskiano… 1.1- La premessa di Dostoevskij a “La Mite” Nel fascicolo del novembre 1876 del Diario di uno scrittore apparve, per la prima volta , “La Mite”. Questo breve racconto appartiene alla maturità di Dostoevskij , esso è posteriore alla maggior parte dei suoi grandi romanzi (“Delitto e Castigo” , per esempio , è del 1866). Il racconto molto si differenzia da “Le notti bianche”1 , che appartengono , invece, alla giovinezza dell’autore , antecedenti alla traumatica esperienza del carcere siberiano , per la tragicità della storia narrata. Il punto di partenza sono due fatti di cronaca nera del periodo : due suicidi inspiegabili di giovani ragazze. Una di esse , una povera popolana , si getta dal quarto piano di un caseggiato pietroburghese , stringendo al petto un’icona sacra. Immagine forte e potente che ritornerà invariata nel finale del racconto del 1876. Lo scrittore , colpito dalla tragica veemenza dei due drammatici episodi (ne traccerà anche un breve resoconto nel Diario) , ricostruisce il processo interiore di un suicidio , quello appunto della mite del titolo , come reazione orgogliosa ed estrema al clima di oppressione creato attorno a lei da un marito geloso e despota. Il tema della fanciulla offesa non è nuovo nello scrittore russo , esso è infatti presente in molte altre sue opere : Nelly di 1 La breve novella è pubblicata nel novembre 1848 sulla rivista “Quaderni patriottici” , assieme ad altri racconti : “Un cuore debole” , “Polzunkov” , “L’eterno marito”.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere

Autore: Stefano Sinigaglia Contatta »

Composta da 153 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1505 click dal 30/06/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.