Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La conquista della Sardegna da parte dell’Infante Alfonso vista dalle cronache del tempo

Il presente lavoro si propone, attraverso la ricostruzione cronologica delle varie fasi della conquista catalano-aragonese della Sardegna pisana, di determinare le tattiche e l’evoluzione degli eventi bellici più importanti della spedizione dell’infante Alfonso degli anni 1323-26.
In modo particolare lo studio cercherà di analizzare l’assedio di Villa di Chiesa e di Castel di Castro, la battaglia di Lutocisterna e quella navale del Golfo di Cagliari del 1325, senza tralasciare l’analisi degli eserciti belligeranti.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 PREMESSA Il presente lavoro si propone, attraverso la ricostruzione cronologica delle varie fasi della conquista catalano-aragonese della Sardegna pisana, di determinare le tattiche e l’evoluzione degli eventi bellici più importanti della spedizione dell’infante Alfonso degli anni 1323-26. In modo particolare il presente studio cercherà di analizzare l’assedio di Villa di Chiesa e di Castel di Castro, la battaglia di Lutocisterna e quella navale del Golfo di Cagliari del 1325, senza tralasciare l’analisi degli eserciti belligeranti. Al fine di analizzare adeguatamente questi eventi, con il presente studio si è svolto un sistematico lavoro di analisi di alcune monografie dedicate alla conquista catalana della Sardegna, quindi delle varie cronache dell’epoca pervenuteci, infine dei vari testi riguardanti la tattica militare medioevale. Per quel che concerne il primo aspetto, è stata particolarmente importante l’opera dedicata alla conquista catalana della Sardegna da parte di Giacomo II di Antonio Arribas Palau 1 : infatti è un lavoro completo ed esaustivo, che tratta fin nei minimi particolari l’intera impresa, dalle premesse alle trattative pre-belliche, fino ai dati di grande interesse per lo studio dei finanziamenti ricevuti da Giacomo II per organizzare l’intera spedizione. Più precisamente per il presente lavoro sono stati particolarmente utili i capitoli sui preparativi della spedizione catalano-aragonese, con la composizione dell’esercito e della flotta, e quelli che seguono l’evolversi della situazione militare. Dalle ricche informazioni raccolte nel lavoro dell’Arribas Palau è stato possibile trarre dati sia sull’esercito iberico, sia sulle armate e sulla flotta pisana. 1 ARRIBAS PALAU A., La conquista de Çerdeña por Jaime II de Aragon, Horta, Barcelona 1952.

Laurea liv.I

Facoltà: Interfacoltà di lettere e filosofia e Scienze matematiche fisiche naturali

Autore: Luca Porru Contatta »

Composta da 104 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 837 click dal 01/07/2009.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.