Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'economia cinese e gli IPR

La tesi ha come oggetto lo sviluppo dell' economia cinese dall' ingresso nel WTO ad oggi ed il rapporto di questo paese con gli INTELLECTUAL PROPERTY RIGHTS : dalle antiche dinastie al governo centralizzato-capitalista di oggi. Vengono ,inolte, presi in esame casi di aziende italiane nel mercato cnese e le possibili problematiche/soluzioni per chi intende andare alla conquista della Cina , senza rischiare di perdere il proprio know how.

Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Può un paese dell’estremo Oriente, da millenni assopito e confinato ai margini dello scenario economico globale, risvegliarsi e lanciarsi con prepotenza sui suoi avversari? A ben guardare l’esempio della Cina o quello dell’India non si può essere scettici sulla possibile risposta. Mentre i leader mondiali giocavano spavaldi e privi di alcun timore le carte del loro successo, all’ombra della Grande Muraglia, il Paese più popoloso della terra programmava la propria ascesa sul terreno di battaglia. La Cina è, oggi, la potenza economica che gli USA e l’Europa guardano con riverente curiosità e timore: non è più il lontano stato di Mao che lotta per la propria sussistenza ma è diventato il terzo anello della leadership mondiale, l’officina dei sogni di lusso occidentali e non, l’isola felice per gli investitori. L’atto che ha avvicinato maggiormente questo stato al mercato internazionale è stato l’adesione al WTO, nel 2001. Grazie a questo accordo non solo i paesi che fanno parte dell’organizzazione potranno entrare nel mercato cinese ma anche la Cina dovrà rendere la propria legislazione e i propri standard conformi a quelli internazionali. Quest’ultima dovrà, quindi, da un lato, aprire le porte del proprio mercato interno (servizi bancari, assicurazioni, industrie e settore agricolo), e dall’altro, agendo sulle normative commerciali, dovrà impegnarsi a tutelare i possibili investitori stranieri.(per esempio tramite la riduzione dei dazi doganali). In particolare, la Cina ha adottato gli standard di tutela dei diritti di Proprietà Intellettuale previsti dai TRIPs (Trade Related Aspects of Intellectual Property Rights), fornendo, a coloro che intendono entrare nel proprio mercato, gli strumenti legislativi per difendere marchi e brevetti; la registrazione presso l’Ufficio Marchio e Brevetti è un passaggio essenziale per salvaguardarsi. 5

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Letizia Grasso Contatta »

Composta da 61 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 577 click dal 09/07/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.