Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Anna Maria Ortese. La lente scura

Nella tesi si affronta lo studio di Anna Maria Ortese partendo da un più ampio panorama letterario e indirizzando, poi, l’attenzione, inizialmente, al pensiero della scrittrice e, successivamente, alla sua esperienza giornalistica e, quindi, all’opera che la sintetizza appieno, La lente scura.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 CAPITOLO I SCRITTRICI, GIORNALISTE TRA OTTOCENTO E NOVECENTO1. In questa tesi abbiamo affrontato lo studio di Anna Maria Ortese e, in particolare, di una delle sue opere, La lente scura, partendo da un più ampio panorama letterario e indirizzando, poi, la nostra attenzione, inizialmente, al pensiero della scrittrice e, successivamente, alla sua esperienza giornalistica e, quindi, all’opera che la sintetizza appieno. In questo primo capitolo, infatti, abbiamo analizzato le figure di due scrittrici, giornaliste che hanno preceduto l’attività ortesiana, per giungere, poi, al tema centrale del nostro lavoro. A partire dal secondo ottocento comincia ad emergere l’opera di due tra le più interessanti scrittrici di tale periodo: la Marchesa Colombi (pseudonimo di Maria Antonietta Torriani) e Matilde Serao. L’una e l’altra iniziano a scrivere come giornaliste: la Marchesa Colombi2 esordisce nel 1869 sulla rivista torinese “Passatempo”, poi divenuta “Giornale delle Donne”, per approdare nel 1871 al giornale emancipazionista 1 Scritto sulla base del libro a cura di F. De Nicola e P. A. Zannoni, “Scrittrici, giornaliste. Da Matilde Serao a Susanna Tamaro”, Marsilio, Venezia, 2001. 2 Le notizie biografiche sulla Marchesa Colombi sono desunte dal saggio di M. T. Cometto, La Marchesa Colombi, Editoriale Blu, Torino, 1996.

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Maria Di Napoli Contatta »

Composta da 61 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1889 click dal 03/07/2009.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.