Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Indossare l'immaginario. Abiti, stili e identità in Second Life

La moda, in quanto “teatro permanente delle metamorfosi effimere” secondo una delle definizioni che ne dà Lipovetsky, costituisce un dispositivo interessante e prezioso per cogliere l’aspetto caleidoscopico della realtà contemporanea e delle identità molteplici che la abitano. A partire dalle forme dell’abbigliamento è possibile infatti risalire e ricomporre i diversi aspetti dell’Io, intuendo nei tessuti, negli accessori, negli stili, i marcatori di quell’identità che già Simmel considerava centrale nel definire le funzioni della moda nella società moderna.
Second Life, il mondo virtuale lanciato in rete nel 2003 dall’azienda creatrice Linden Lab di San Francisco, costituisce un ambiente estremamente significativo per studiare le dinamiche legate alle pratiche di autorappresentazione attraverso cui scegliamo di veicolare la nostra immagine. In questo universo digitale infatti, le relazioni interpersonali sono mediate dall’avatar, la figura tridimensionale del corpo nel quale ci incarniamo una volta nel metaverso. La rappresentazione virtuale attraverso cui esploriamo i territori 3-D, esprime visivamente e racconta l’individuo al di là dello schermo; gli abiti e il corpo che inventiamo per la nostra controparte virtuale divengono estensioni dell’Io.
Studiare la moda in Second Life dunque, rappresenta un’occasione affascinante per risalire al Sé degli utenti e dunque alle categorie che ne compongono l’immaginario, attraverso il modo in cui si inventano e si esprimono in quanto creature di pixel. Come scegliamo di rappresentarci in un mondo virtuale, liberi da ogni limitazione materiale? Quale parte di noi viene in superficie?
A partire da questi interrogativi si sviluppa il mio lavoro che si compone di tre parti.
Nella prima viene affrontato e discusso il concetto di “moda” a partire dalle definizioni che ne sono state date nel corso dei secoli dai classici (Simmel, Spencer, Veblen ecc.) fino ad arrivare alle considerazioni degli studiosi contemporanei. Vengono inoltre analizzate le declinazioni più interessanti della nozione di moda, relative alla costruzione dell’identità, all’uso dei vestiti come linguaggio e al rapporto con il corpo.
La parte centrale è invece dedicata a Second Life. Ripercorrendo brevemente la sua storia verranno messe in luce le caratteristiche che ne hanno determinato il successo rispetto ad altri mondi virtuali e saranno analizzati aspetti importanti come la struttura economica, le opportunità di business e la costruzione degli avatar.
Nella terza e ultima parte viene poi analizzato nello specifico il ruolo della moda in Second Life attraverso l’elaborazione dei risultati dell’indagine condotta on-line mediante l’uso di un questionario strutturato rivolto ad utenti di diverse nazionalità. Quattro i principali obiettivi della ricerca:
- Tracciare una mappa degli stili estetici dominanti in SL;
- Individuare i brand e i metabrand più noti;
- Definire i fattori di successo di un prodotto di moda virtuale;
- Approfondire il fenomeno della moda “fai-da-te”.
In Second Life, la moda socializza i corpi e mette in scena le nostre performance vestimentarie diventando quasi un gioco di ruolo, uno spensierato mettersi in mostra secondo il modo di essere del momento. I vestiti nell’universo virtuale emanano i nostri desideri, l’insieme delle nostre identità plurime e cangianti per consegnarle allo sguardo di chi osserva al di là dello schermo. La moda in questo territorio sintetico sembra davvero avvicinare il corpo e le sue rappresentazioni all’idea fluttuante e all’immagine che ognuno ha di sé. In Second Life indossiamo sogni, emozioni e miti. Indossiamo l’inconscio, indossiamo l’immaginario.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione La nozione di moda appare da sempre impegnata in una costante quanto affascinante fuga da ogni tentativo di inscriverla all’interno di una definizione univoca e definitiva. Estremamente cangiante, ambigua e fuggevole, la moda è forse tra i dispositivi culturali più intimamente legati alla società di massa. Un rapido sguardo sulla storia e le teorie di cui è stata protagonista ci permette infatti di individuare un filo rosso che partendo da un’idea di moda elitista, imperniata sul concetto di classe e di lusso in quanto pratica di distinzione, passa attraverso la visione di una moda sempre più espressione di uno stile di vita che di identità di classe, conducendoci fino alla moda odierna intesa come consumo culturale di massa, caratterizzato da una compresenza eclettica di stili. Non a caso molti autori ritengono la moda un terreno prezioso per l’analisi di alcuni aspetti della nostra società in quanto forte indicatore socioculturale e strumento per la costruzione sociale del Sé. L’identità è in effetti, uno dei temi chiave nella descrizione delle funzioni della moda; già Simmel metteva a fuoco questo legame vedendo appunto nei vestiti una componente essenziale nella realizzazione della propria identità. Una volta che questa non ci viene più consegnata in un

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Giulia D'orazio Contatta »

Composta da 140 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2745 click dal 03/07/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.