Skip to content

Indossare l'immaginario. Abiti, stili e identità in Second Life

Informazioni tesi

  Autore: Giulia D'orazio
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Luisa Valeriani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 140

La moda, in quanto “teatro permanente delle metamorfosi effimere” secondo una delle definizioni che ne dà Lipovetsky, costituisce un dispositivo interessante e prezioso per cogliere l’aspetto caleidoscopico della realtà contemporanea e delle identità molteplici che la abitano. A partire dalle forme dell’abbigliamento è possibile infatti risalire e ricomporre i diversi aspetti dell’Io, intuendo nei tessuti, negli accessori, negli stili, i marcatori di quell’identità che già Simmel considerava centrale nel definire le funzioni della moda nella società moderna.
Second Life, il mondo virtuale lanciato in rete nel 2003 dall’azienda creatrice Linden Lab di San Francisco, costituisce un ambiente estremamente significativo per studiare le dinamiche legate alle pratiche di autorappresentazione attraverso cui scegliamo di veicolare la nostra immagine. In questo universo digitale infatti, le relazioni interpersonali sono mediate dall’avatar, la figura tridimensionale del corpo nel quale ci incarniamo una volta nel metaverso. La rappresentazione virtuale attraverso cui esploriamo i territori 3-D, esprime visivamente e racconta l’individuo al di là dello schermo; gli abiti e il corpo che inventiamo per la nostra controparte virtuale divengono estensioni dell’Io.
Studiare la moda in Second Life dunque, rappresenta un’occasione affascinante per risalire al Sé degli utenti e dunque alle categorie che ne compongono l’immaginario, attraverso il modo in cui si inventano e si esprimono in quanto creature di pixel. Come scegliamo di rappresentarci in un mondo virtuale, liberi da ogni limitazione materiale? Quale parte di noi viene in superficie?
A partire da questi interrogativi si sviluppa il mio lavoro che si compone di tre parti.
Nella prima viene affrontato e discusso il concetto di “moda” a partire dalle definizioni che ne sono state date nel corso dei secoli dai classici (Simmel, Spencer, Veblen ecc.) fino ad arrivare alle considerazioni degli studiosi contemporanei. Vengono inoltre analizzate le declinazioni più interessanti della nozione di moda, relative alla costruzione dell’identità, all’uso dei vestiti come linguaggio e al rapporto con il corpo.
La parte centrale è invece dedicata a Second Life. Ripercorrendo brevemente la sua storia verranno messe in luce le caratteristiche che ne hanno determinato il successo rispetto ad altri mondi virtuali e saranno analizzati aspetti importanti come la struttura economica, le opportunità di business e la costruzione degli avatar.
Nella terza e ultima parte viene poi analizzato nello specifico il ruolo della moda in Second Life attraverso l’elaborazione dei risultati dell’indagine condotta on-line mediante l’uso di un questionario strutturato rivolto ad utenti di diverse nazionalità. Quattro i principali obiettivi della ricerca:
- Tracciare una mappa degli stili estetici dominanti in SL;
- Individuare i brand e i metabrand più noti;
- Definire i fattori di successo di un prodotto di moda virtuale;
- Approfondire il fenomeno della moda “fai-da-te”.
In Second Life, la moda socializza i corpi e mette in scena le nostre performance vestimentarie diventando quasi un gioco di ruolo, uno spensierato mettersi in mostra secondo il modo di essere del momento. I vestiti nell’universo virtuale emanano i nostri desideri, l’insieme delle nostre identità plurime e cangianti per consegnarle allo sguardo di chi osserva al di là dello schermo. La moda in questo territorio sintetico sembra davvero avvicinare il corpo e le sue rappresentazioni all’idea fluttuante e all’immagine che ognuno ha di sé. In Second Life indossiamo sogni, emozioni e miti. Indossiamo l’inconscio, indossiamo l’immaginario.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione La nozione di moda appare da sempre impegnata in una costante quanto affascinante fuga da ogni tentativo di inscriverla all’interno di una definizione univoca e definitiva. Estremamente cangiante, ambigua e fuggevole, la moda è forse tra i dispositivi culturali più intimamente legati alla società di massa. Un rapido sguardo sulla storia e le teorie di cui è stata protagonista ci permette infatti di individuare un filo rosso che partendo da un’idea di moda elitista, imperniata sul concetto di classe e di lusso in quanto pratica di distinzione, passa attraverso la visione di una moda sempre più espressione di uno stile di vita che di identità di classe, conducendoci fino alla moda odierna intesa come consumo culturale di massa, caratterizzato da una compresenza eclettica di stili. Non a caso molti autori ritengono la moda un terreno prezioso per l’analisi di alcuni aspetti della nostra società in quanto forte indicatore socioculturale e strumento per la costruzione sociale del Sé. L’identità è in effetti, uno dei temi chiave nella descrizione delle funzioni della moda; già Simmel metteva a fuoco questo legame vedendo appunto nei vestiti una componente essenziale nella realizzazione della propria identità. Una volta che questa non ci viene più consegnata in un

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

avatar
immaginario e moda
metabrand
metaverso
moda
moda su internet
performance vestimentarie
realtà contemporanea moda
second life

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi