Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le fondazioni bancarie: un confronto fra la Fondazione C.R. di Perugia e la Fondazione C.R. di Spoleto

La mia tesi consente di conoscere la realtà e l'operatività delle Fondazioni bancarie e il loro importante ruolo svolto all'interno della vita sociale ed economica italiana, soprattutto sotto il profilo dello sviluppo e della promozione del territorio.

Mostra/Nascondi contenuto.
1.1 Definizione e finalità Le Fondazioni in Italia sono una realtà in crescita. Possono essere definite come “patrimoni destinati ad uno o più scopi”, ovvero come “persone giuridiche private senza fine di lucro, dotate di piena autonomia statutaria e gestionale” che ”perseguono esclusivamente scopi di utilità sociale e di promozione dello sviluppo economico, secondo quanto previsto dai rispettivi statuti” 1 . Non hanno fine di lucro, ma perseguono scopi ideali che realizzano con lo svolgimento della propria attività diretta o indiretta. Parliamo di attività diretta quando è finalizzata all’oggetto sociale ideale; parliamo di attività indiretta quando serve per finanziare gli scopi ideali 2 . Fra le fondazioni, un ruolo di particolare importanza è ricoperto dalle fondazioni di origine bancaria. Sono disciplinate dal Dlg 153 del 17 maggio 1999 che nel primo comma ne definisce gli elementi essenziali, tra cui: “Fondazione”: l’ente che ha effettuato il conferimento dell’azienda bancaria ai sensi del d.lg. 20 novembre 1990, n. 356. Ossia le banche abilitate alle operazioni di fusione, trasformazione e conferimento; “Settori rilevanti”: i settori scelti ogni tre anni da ciascuna fondazione fra quelli ammessi (ricerca scientifica e tecnologica; istruzione, educazione e formazione; arte, conservazione e valorizzazione delle attività e beni culturali e ambientali; sanità; assistenza alle categorie sociali deboli…). “Autorità di Vigilanza”: il Ministero dell’Economia e delle Finanze, in via transitoria finché saranno presenti nel patrimonio degli enti partecipazioni di 1 D.Lg. 17 maggio 1999, n. 153 titolo 1, art. 2 comma 1. 2 Manuale di diritto commerciale – cap. III, pag. 91 5

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Chiara Basileo Contatta »

Composta da 53 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 353 click dal 03/07/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.