Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La carta dei servizi dei sistemi bibliotecari

Il presente lavoro offre un contributo all’analisi dello stato di attuazione della Carta dei Servizi in Italia e, con particolare riferimento a quella adottata dalla Biblioteca Luiss Guido Carli, propone un percorso di miglioramento che consenta di sfruttarne meglio le potenzialità. Il lavoro esamina le funzioni e il modo in cui vengono espletate, approfondendo le cause che ne limitano l’impiego.
Il lavoro è strutturato in quattro capitoli. Il primo introduce al tema della Carta dei Servizi nell’ambito delle più ampie riforme che riguardano i servizi pubblici in Italia. Il secondo, affronta il tema specifico dell’introduzione della Carta dei Servizi nei sistemi bibliotecari, trattandone le funzionalità e caratteristiche che ne consentano una corretta attuazione. Il terzo capitolo, descrive il caso della Biblioteca Luiss Guido Carli, inserendolo nel più ampio processo di monitoraggio e controllo della qualità dei servizi. A partire dalle criticità individuate nel terzo capitolo, anche alla luce delle indicazioni emerse in letteratura così come descritte nei precedenti capitoli, il capitolo quarto contiene una proposta di miglioramento sia sul contenuto che sul processo di attuazione della Carta dei Servizi nella Biblioteca dell’Università.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Il presente lavoro si propone di presentare uno strumento innovativo nel settore dei servizi pubblici, la Carta dei Servizi. Essa è un documento di carattere istituzionale che dichiara gli impegni assunti dalle organizzazioni con riferimento ai servizi offerti e ai modi con cui sono erogati nel rispetto di standard di qualità e di quantità rappresentati da indicatori periodicamente rilevati. È uno strumento di tutela, verifica e conoscenza a disposizione degli utenti, che garantisce il rispetto di reciproci diritti e doveri, in un‟ottica di trasparenza e di partecipazione. Il lavoro si basa sull‟analisi dello stato di applicazione della Carta in ambito bibliotecario, incentrandosi particolarmente all‟interno della Biblioteca dell‟Ateneo “Luiss Guido Carli”. Saranno esaminate le sue funzioni e il modo in cui vengono espletate, approfondendo le cause che ne limitano l‟impiego. Il Capitolo 1 presenta la Carta dei Servizi pubblici all‟interno del contesto italiano, dalla nascita allo stato di attuazione attuale, andando ad analizzare tutti i suoi aspetti caratteristici, i principi generali e gli aspetti chiave. Dopo aver visto che cos‟è una Carta dei Servizi, il Capitolo 2 evidenzia l‟importanza che tale strumento riveste all‟interno delle biblioteche nazionali. Sono esposte le caratteristiche e le funzioni principali, le modalità per realizzarla, lo stato di attuazione e l‟attualità della Carta. Nel Capitolo 3 viene fatta prima una breve presentazione della Biblioteca Luiss e, poi, il focus si sposta all‟analisi della Carta dei Servizi adottata dalla Biblioteca stessa. In particolare, si analizza il suo contenuto e si tracciano alcune indicazioni sul suo utilizzo, ponendo in evidenza i limiti funzionali e applicativi che ne impediscono un uso corretto. Verrà, in particolare, eseguita un‟analisi critica sulle reali disfunzioni e sulle possibili aree di miglioramento dello strumento. Gli studi svolti consentono di concludere il lavoro con l‟individuazione di un possibile percorso per migliorare l‟applicabilità dello strumento. Alla fine del capitolo vengono fatte delle considerazioni conclusive e presentanti degli spunti per veri e propri cambiamenti che la Biblioteca dovrebbe attuare al suo interno per sfruttare la Carta come una leva di crescita organizzativa.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Martina Ciaschi Contatta »

Composta da 98 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 805 click dal 07/07/2009.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.