Skip to content

Analisi del materiale teriologico tramite borre di Strigiformi

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Ragonese
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Palermo
  Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali
  Corso: Scienze Naturali
  Relatore: Maurizio Sarà
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 69

La tesi si propone di descrivere ed esaminare le metodologie d’analisi del materiale teriologico attraverso le borre degli Strigiformi. I Rapaci rigettano periodicamente ossa, peli, penne e parti chitinose sotto forma di ammassi ellissoidali o cilindrici, chiamati “borre”. Dall’esame di questi è possibile riconoscere i micromammiferi predati. In conseguenza di ciò, è possibile analizzare il regime trofico dei rapaci, determinare il loro raggio d’azione nonché raccogliere dati importanti e interessanti sull’ecologia e l’habitat della predazione. Gli Strigiformi possono essere considerati i rapaci più adatti allo studio sulle borre. Più specificamente, tre sole specie della fauna Italiana possono essere considerate predatrici specializzate per i micromammiferi: l’Allocco (Strix aluco), il Barbagianni (Tyto alba) e il Gufo comune (Asio otus). Tanto i vantaggi, quanto i limiti del metodo in esame sono legati alla biologia dei predatori e delle loro prede abituali, i piccoli Mammiferi terricoli, nonché alle caratteristiche ecologiche del «sistema trofico» che essi, nell’insieme, costituiscono. Uno dei principali vantaggi è dovuto alla grande quantità di materiale ottenibile a parità di tempo rispetto agli altri metodi. Altra prerogativa del metodo è legata alla caratteristica, posseduta da alcune specie di rapaci, di fungere, almeno in teoria, da “trappolatori standardizzati non selettivi” a livello interspecifico, cioè di effettuare una predazione prevalentemente basata sulla frequenza delle prede più comuni. Da non dimenticare è, inoltre, la semplicità del procedimento. Tra i vantaggi del metodo va compresa anche la rappresentatività: il gran numero di specie predate dai Rapaci, infatti, si avvicina spesso alla totalità di quelle note per la zona studiata. Infine, altro vantaggio del sistema risiede nella sua incruenza. Uno dei maggiori limiti del metodo è forse costituito dalla caratteristica dei Rapaci di produrre, come detto precedentemente, due borre al giorno, delle quali la prima rispecchia l’alimentazione della prima parte della notte, l’altra la dieta della seconda parte della nottata; ciò potrebbe evidentemente influenzare le valutazioni, in quanto c’è il rischio concreto che si rinvengano e si studino le borre di un solo tipo. Inoltre, il dettaglio geografico non può essere a “grana” più fine di quella del territorio standard di caccia dei Rapaci. Si collega a quanto detto sopra anche l’ovvio limite costituito dall’habitat del predatore che, per quanto euriecio possa essere, è per necessità assente in tutte le situazioni ambientali che esulano completamente dalla sua «nicchia» e dal suo areale. Altro importante problema è legato al fatto che il contenuto delle borre non rispecchierebbe con fedeltà assoluta la dieta del predatore. Infine altre restrizioni del metodo sono da porre in relazione alle variazioni stagionali della dieta dei rapaci e al fatto che vi sono alcune entità microteriologiche la cui classificazione attraverso i soli resti ossei risulta essere difficoltosa. Dal momento che le borre possono fornire una grande quantità di dati, risulta utile ordinare i risultati adottando opportuni parametri ed indici che possono, per comodità, essere raggruppati in due tipologie principali: “Descrittori” ambientali e “Descrittori” della dieta; i primi permettono di valutare le condizioni ambientali, ecologiche e relative all’impatto antropico nelle aree oggetto di studio focalizzando sulle composizioni delle prede e sulle loro relazioni con l’habitat; i secondi forniscono, invece, un’analisi quantitativa della dieta del rapace. Tra i descrittori ambientali rientrano: Il rapporto «Insettivori/Roditori» (o «Insettivori/totale mammiferi terricoli»), gli indici di affinità faunistica, gli indici di termoxerofilia. Fanno parte dei descrittori della dieta: il «numero medio di prede per borra», il «peso medio delle prede» (o «preda media»), la «biomassa media per borra», o «pasto medio», gli indici di diversità biotica. In conclusione, il metodo dell’esame delle borre si conferma utile a scopi conoscitivi ed applicativi circa i popolamenti di micromammiferi terricoli ed il sistema trofico che lega questi ultimi agli strigiformi loro predatori, sistema interessante anche ai fini di una valutazione ambientale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione e scopo della tesi Il seguente lavoro si propone di descrivere ed esaminare le metodologie di analisi del materiale teriologico attraverso le borre degli Strigiformi. Partendo da una descrizione dei metodi di ricerca teriologica, si spiegheranno i motivi per cui gli Strigiformi possono essere considerati i Rapaci più adatti allo studio sulle borre. Verranno descritti e analizzati i vantaggi e i limiti del metodo e ne saranno esposte le problematiche. Infine verrà affrontato l’aspetto “pratico” del metodo; in altre parole sarà descritto il procedimento necessario per estrapolare dalle borre, registrare ed elaborare i dati relativi ai micromammiferi ed ai loro predatori. Prima di sviluppare quanto introdotto finora, si è scelto di descrivere brevemente le modalità di foraggiamento dei predatori, nonché le ragioni per cui questi scelgano determinate strategie di caccia e quali possano essere i fattori che influenzano tali scelte. La predazione La predazione si può definire come il consumo di un organismo (la preda) per opera di un altro organismo (il predatore), in cui la preda è in vita quando il predatore l’attacca per la prima volta (Begon, 1989). Ogni predatore si ritrova a dover affrontare alcune difficoltà: di che nutrirsi, dove trovare il cibo, in che momento spostarsi da un’area di foraggiamento ad un’altra e così via. Questo concetto è applicabile tanto agli erbivori, quanto ai carnivori. I predatori che sceglieranno la soluzione ottimale a tali problemi, ovvero la più efficiente, avranno più tempo ed energia da spendere in altre attività, che vanno dal difendersi dai loro predatori al riprodursi (Barnard, 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

allocco
asio otus
barbagianni
borre
dieta
gufo
micromammiferi
microteriologiche
predazione
rapaci
regime trofico
strigiformi
strix aluco
teriologico
termoxerofilia
tyto alba

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi