Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'idea della donna e dell'amore alla corte di Henry VIII: Juan Luis Vives, John Rastell e John Heywood

La tesi esamina la condizione della donna nel Rinascimento paragonando tra loro le opere di tre autori che vissero alla corte inglese di Henry VIII nella prima metà del sedicesimo secolo : Vives (un moralista), Rastell ed Heywood. Il confronto fatto tra le diverse opere di questi autori (trattati moralistici ed opere teatrali) consente di affrontare la questione da diversi punti di vista, mettendo in evidenza tante sfaccettature legate alla condizione femminile in una società altamente misogina come quella rinascimentale.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Premessa In quanto amante dei secoli passati, ho sempre pensato che la mia tesi di laurea avrebbe riguardato un autore inglese rinascimentale, preferibilmente correlato in qualche modo anche con la letteratura spagnola, ma non riuscivo a trovare un autore che mi entusiasmasse, e quasi non ci speravo piø. Tuttavia nel mio ultimo anno di corso ho frequentato le lezioni della professoressa Mullini su John Heywood, e proprio durante una di queste Ł uscito fuori il nome di un certo John Rastell, che aveva scritto un adattamento della Celestina spagnola: finalmente avevo trovato un argomento possibile! Decisi quindi di fare uno studio comparato della Celestina e dello Interlude of Calisto and Melebea, un lavoro che mi interessava molto; tuttavia l oggetto del mio studio si Ł ampliato, spostando un po il proprio baricentro, quando la mia relatrice mi propose di unire all opera di Rastell quella di Heywood e quella di Vives, per analizzare come in esse veniva

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Ylenia Magi Contatta »

Composta da 150 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 652 click dal 14/07/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.