Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'ingresso della Cina nell'Organizzazione Mondiale del Commercio

Come cambia la Cina? La tesi ne esamina la storia dell'ultimo secolo e mezzo e attraverso un assemblaggio al tempo stesso creativo e rigoroso dei contributi di varie discipline e dei dibattiti più attuali arriva a prevedere nel dettaglio alcuni suoi sviluppi futuri relativi alla possibilità di un'integrazione nel sistema capitalistico, alle dinamiche di mutamento politico e di altre variabili che rendono l'idea sia della specificità del Paese, sia, nel bene e nel male, della sua importanza anche in termini d'immaginario.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Avvertenza sul vocabolario La relativa frequenza, nell’informazione non specialistica, di alcuni termini quali “sviluppo”, “struttura”, “modernizzazione” o “integrazione”, ha imposto una specifica attenzione al loro utilizzo. Per maggiore chiarezza, espongo di seguito la loro definizione sociologica, che ha risvolti economici e di scienza politica. Sviluppo è un fenomeno sociale ed economico, contraddistinto principalmente da quattro manifestazioni: • Aumento della produttività; • Incremento dell’accumulazione; • Aumento del capitale; • Crescita del reddito reale pro capite. Struttura sociale è la trama dei rapporti d’interdipendenza relativamente stabili che sussistono tra un insieme di posizioni, ruoli, istituzioni, gruppi o altre componenti della realtà sociale, di uguale o diverso livello, a prescindere dall’identità dei componenti che eventualmente si avvicendano come soggetti di tali rapporti. Modernizzazione è un mutamento sociale su larga scala, coinvolgente le principali strutture di una società (economiche, politiche, amministrative, familiari, culturali), che mostra di procedere in direzione di un progressivo avvicinamento a un modello di società moderna fondato sulle caratteristiche gradualmente acquisite dalle società dei Paesi occidentali dopo la Rivoluzione Francese e la rivoluzione industriale. In particolare, si considerano caratteri di modernizzazione: - l’inserimento della massa di popolazione nel sistema politico ed economico nazionale; - l’urbanizzazione; - lo sviluppo di un potente apparato giuridico e amministrativo centrale; - la diffusione del principio di razionalità in tutte le sfere della vita sociale; - il forte incremento della differenziazione sociale e della divisione del lavoro; - la moltiplicazione di associazioni, organizzazioni e istituzioni specializzate nello svolgimento di funzioni un tempo inesistenti o fuse in ruoli generici entro la sfera familiare (ad esempio le funzioni produttive o quelle educative). Le accezioni cinesi di “sviluppo” e “modernizzazione” analizzate nel corso della tesi sono spunti per un confronto tra la concezione occidentale, di indubbio valore scientifico anche nella sua “centricità”, e il dinamismo economico, sociale e di elaborazione concettuale/strategica percepibile in Cina. Integrazione è un concetto che, a mio parere, merita una considerazione più generale di quella riservatagli nell’ambito tecnico commerciale. Per Lockwood (1964) e Mouzelis (1974) essa è l’inserimento o ingresso di un gruppo più piccolo in un gruppo o una collettività più ampia, di cui il primo viene ad assumere nel corso del processo le caratteristiche sociali e culturali più salienti. Il concetto conosce una “variante politica”, a partire dagli studi di Durkheim, come opposto a quello di marginalità. Esso insomma rappresenterebbe non semplicemente l’ingresso di un soggetto in una nuova e più ampia collettività, quale potrebbe essere il mondo o la WTO, ma l’ingresso in essa di un soggetto precedentemente escluso (o autoesclusosi). Un’ultima precisazione va fatta a proposito della definizione di “industria nazionale”. Essa è di natura tecnica e giuridica. Diconsi industria nazionale: tutti i produttori nazionali di un bene del medesimo tipo; l’insieme dei produttori il cui prodotto collettivo costituisca la maggior parte della produzione nazionale totale del predetto tipo di bene.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Carolina Figini Contatta »

Composta da 158 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5949 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 28 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.