Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Patrimonio culturale e turismo culturale

Il turismo culturale è un filone sempre in crescita del turismo. Settore in costante crescita, sia da un punto di vista di domanda che di offerta turistica, in cui protagonista principale è il patrimonio culturale. Si è, quindi, voluto studiare come, dal livello internazionale a quello nazionale, questo settore sia disciplinato dal diritto. Strumenti vincolanti non ne esistono, fatta salva la Convenzione UNESCO del 1972 sulla Protezione del Patrimonio Mondiale, culturale e naturale che dà indicazioni indirette in quanto si occupa soprattutto della tutela del patrimonio culturale materiale. Di conseguenza, si sono studiati i maggiori atti di soft law partendo da quelli universali emanati dall'OMT, passando attraverso la Commissione europea e il Parlamento europeo per finire con l'ordinamento nazionale italiano. Infine, si è voluto vedere il livello, il grado di autenticità che il turista percepisce di questo patrimonio studiando alcuni dei maggiori pensatori del Novecento in materia.

Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE Vi è una certa ambiguità 1 insita nel concetto di cultura. Infatti si può applicare una concezione romantica in cui essa è vista come il fondo comune di lingua, religione, credenze, tradizioni e miti che legano un’etnia, un popolo rendendolo diverso dagli altri e creando, così, il concetto di Nazione o di comunità. Da un punto di vista diverso, cosmopolita o illuministico, la cultura è il patrimonio di civiltà trasmesso di generazione in generazione attraverso l’educazione. Questa è la visione alla base della Convenzione di Parigi del 1972 che nel suo preambolo afferma che “alcuni beni del patrimonio culturale e naturale presentano un interesse eccezionale…la cui degradazione o sparizione costituisce un impoverimento nefasto del patrimonio di tutti i popoli del mondo” 2 . Si propone, quindi, di “assicurare al meglio un’appropriata identificazione, protezione, conservazione e valorizzazione di questo patrimonio umano”. Patrimonio che, nonostante due guerre mondiali 3 e un enorme numero di guerre civili, è riuscito sempre a risorgere come la mitica fenice. I monumenti sono stati restaurati, i centri storici ricostruiti. Questo mio vuole essere uno studio su come il patrimonio culturale (mondiale ma, soprattutto italiano) è risorsa indispensabile ma, allo stesso tempo, troppo sfruttata. A ciò si aggiungerà una breve parentesi riguardante l’autenticità del patrimonio culturale cosi come lo viviamo noi oggi. Il tema del Patrimonio culturale a livello internazionale è stato trattato in diverse tranche ma la suddivisione fondamentale è tra materiale ed 1 F. Francioni, Principi e criteri ispiratori per la protezione internazionale del Patrimonio culturale, in Protezione internazionale del Patrimonio culturale: interessi nazionali e difersa del patrimonio comune culturale, Atti del Convegno, Roma 8-9 maggio 1998, a cura di F. Francioni, A Del Vecchio, P. De Caterini LUISS, Milano, 2000 pag 12 2 UNESCO (1972) Convention Concerning the Protection of the World Cultural and Natural Heritage, UNESCO Publishing, Paris 3 F. Francioni, Thirty years on: is the World Heritage Convention ready for the 21th century?, in The Italian Yearbook of International Law, vol XII, 2002, MARTINUS NIJHOFF PUBBLISHERS, pag 13-38

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Economia

Autore: Alessia Dalla Libera Contatta »

Composta da 157 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 14795 click dal 09/07/2009.

 

Consultata integralmente 4 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.