Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Profili redistributivi del reddito nelle economie liberiste

Il presente lavoro ha tentato di evidenziare gli aspetti caratteristici della redistribuzione dei redditi e cercato di analizzare gli effetti redistributivi delle misure normative, economiche e fiscali emanate dal governo di centro-destra.
Partendo dalla constatazione che anche in un Paese che presenta un contesto molto ricco, esistono fenomeni di povertà, abbiamo osservato dati ISTAT, dati della Banca d’Italia, dell’OCSE, dell’UNICEF per avere un quadro complessivo non solo del fenomeno della povertà, ma anche della ricchezza e, soprattutto, della disuguaglianza presente in Italia.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Siamo nel terzo millennio, sempre alla ricerca di un nuovo supporto tecnologico per soddisfare ogni nostro bisogno, alla continua scoperta dell’universo, nel pieno della globalizzazione, alle prese con crescite economiche… …ma eternamente concentrati su noi stessi che non sentiamo il peso di chi soffre la fame e vive in condizioni di povertà assoluta. Non bisogna guardare lontano. Un dato per capire: secondo la Banca d’Italia, nel nostro Paese il 10% della popolazione più ricca detiene il 47% della ricchezza nazionale. Ci scandalizziamo dinanzi al fatto che il 20% della popolazione mondiale detiene l’80% della ricchezza, ma i dati ci dimostrano che i Sud del mondo sono dappertutto, anche nel nostro Paese. Difficilmente, nei tanti dibattiti televisivi, si trova qualcuno che parli di povertà, che la presenti come un problema dei nostri giorni. I poveri non sono più i mendicanti, i barboni, i vagabondi. Essi sono 7.588.000 persone che vivono in mezzo a noi, come noi, nella casa accanto. Sono quelli che, nella corsa verso il benessere, sono rimasti indietro. Ci sono, certo, alcune differenze importanti. Per i due terzi si trovano nel Mezzogiorno; fra essi sono relativamente più presenti le famiglie numerose con tre o più figli, quelle con un anziano o un disoccupato in casa. Anche un basso titolo di studio si accompagna più frequentemente con la presenza della povertà.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Virginia Tomaro Contatta »

Composta da 97 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 737 click dal 10/07/2009.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.