Skip to content

Apprendimento dell'inglese e suo utilizzo all'interno del Parlamento Europeo

Informazioni tesi

  Autore: Federica Zilocchi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Costanza Cucchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 63

Il mio lavoro analizza le cause delle deviazioni dalla lingua standard, cerca di dimostrare la prevedibilità degli errori e delle variazioni in relazione al contesto di discenti e di parlanti non nativi attraverso le fasi comuni dell'apprendimento della seconda lingua avvalendosi sia di studi di linguistica sull'apprendimento della seconda lingua sia di un'analisi di dati specifici. Ciò che intendiamo verificare è se l'inglese di parlanti non nativi presenta caratteristiche simili all'inglese dei discenti. Il mio lavoro è parte di un progetto che si impegna a confrontare le versioni orali di discorsi di europarlamentari con le rispettive versioni scritte corrette da revisori madrelingua. Questo lavoro intende verificare se, nell'uso dell'inglese di parlanti non nativi si ritrovano le stesse deviazioni dalla lingua standard osservate da diversi linguisti nell'ambito dell'apprendimento della seconda lingua da parte di discenti.
Il lavoro è suddiviso in due capitoli: nel primo capitolo "fenomeni osservabili dell'acquisizione della seconda lingua", sono presentate le varie teorie riguardanti lo sviluppo della seconda lingua ed è inoltre definito il concetto di errore. Lo sviluppo degli studi di linguistica riguardante l'apprendimento/acquisizione della seconda lingua segue nella mia memoria un ordine cronologico. Si parte dalle prime teorie sulle deviazioni dalla lingua standard come l'analisi contrastiva, l'analisi dei morfemi si passa poi all'analisi degli errori e all'interlingua; le teorie sono esposte con i corrispettivi esempi fino ad arrivare alle teorie più recenti e attuali trattando anche la linguistica computazionale.
Il secondo capitolo "analisi quantitativa dei dati" è costituito da un'analisi di testi orali di dibattiti di europarlamentari (15 maggio 2006) e dalle trascrizioni ufficiali degli stessi dibattiti. L'analisi si propone di classificare le deviazioni dalla lingua standard e le altre correzioni che compaiono sulla versione ufficiale corretta da revisori. Si è creata cosi' una tabella per ogni discorso e si è contato con quale frequenza sono state effettuate le diverse correzioni. Per concludere abbiamo evidenziato le caratteristiche comuni delle deviazioni dalla lingua standard compiute da discenti e trattate nel primo capitolo con quelle riscontrate tra gli europarlamentari nell'uso di una seconda lingua attraverso le trascrizioni e il calcolo di frequenze di ripetizione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione e Metodologia L’interesse per l’uso veicolare di una lingua straniera nasce in seguito ad un’esperienza formativa all’estero nella città di Salisburgo, durante l’anno accademico 2007/2008, dove ho avuto modo di confrontarmi in prima persona con l’utilizzo di una seconda lingua da parte di discenti. Il progetto Erasmus dà la possibilità a studenti di tutta Europa di convivere con studenti stranieri e di comunicare vicendevolmente utilizzando le conoscenze della seconda lingua. Questa esperienza mi ha dato modo di utilizzare il tedesco come lingua veicolare, poiché lingua ufficiale dello stato che mi ha ospitato. Una volta rientrata mi è stato possibile collaborare al progetto di linguistica inglese riguardante l’uso dell’inglese come lingua veicolare all’interno del Parlamento Europeo. Il mio lavoro analizza le cause delle deviazioni dalla lingua standard, cerca di dimostrare la prevedibilità degli errori e delle variazioni in relazione al contesto di discenti e di parlanti non nativi attraverso le fasi comuni dell’apprendimento della seconda lingua avvalendosi sia di studi teorici di linguistica sia di un’analisi di dati specifici. Ciò che intendiamo verificare è se, nell’uso dell’inglese di parlanti non nativi si ritrovano le stesse deviazioni osservate nell’uso dell’inglese dei discenti. Il mio lavoro è parte di un progetto che si impegna a confrontare le versioni orali di discorsi di euro parlamentari non nativi con le rispettive versioni scritte corrette da revisori. Questo lavoro intende verificare se nell’uso dell’inglese dei parlanti non nativi si ritrovano le stesse deviazioni dalla lingua standard osservate da diversi linguisti nell’ambito dell’apprendimento della seconda lingua da parte dei discenti. Il lavoro è suddiviso in due capitoli: nel primo capitolo, “fenomeni osservabili dell’acquisizione della seconda lingua”, sono presentate le varie teorie riguardanti lo studio della seconda lingua ed è inoltre definito il concetto di errore. Lo sviluppo degli studi di linguistica riguardante l'acquisizione/apprendimento della seconda lingua segue nella mia memoria un ordine cronologico, parte dalle prime teorie sulle deviazioni dalla lingua standard con i corrispettivi esempi ed arriva fino alle teorie più recenti e attuali trattando anche la linguistica computazionale. Il secondo capitolo “analisi quantitativa dei dati” è costituito da un’analisi di testi orali di dibattiti di euro parlamentari (15 maggio 2006) e dalle trascrizioni ufficiali degli stessi dibattiti. L’analisi si propone di classificare le deviazioni dalla lingua standard e le altre correzioni che compaiono sulla versione ufficiale corretta da revisori. Si è creata così una tabella per ogni discorso e si è contato con 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

acquisizione dell'inglese
analisi contrastiva
analisi degli errori
analisi dei morfemi
analisi di dati
apprendimento-inglese
chomsky
classificazione degli errori di corder
cognitivismo
comportamentismo
corpus
criteri di valutazione degli errori
discente
europarlamentari
grammatica universale
interlingua
lingua veicolare
linguistica computazionale
madrelingua
parlamento europeo
parlante non nativo
programma erasmus
seconda lingua
selinker

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi