Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'Utopia possibile: Teoria e pratica cooperativa in Inghilterra (1844-1945)

In questa tesi viene affrontato, per la prima volta, la storia della Cooperazione in relazione con la sua componente politica al fine di capire il ruolo avuto dall'Ideologia nella nascita e nello sviluppo della Cooperazione Inglese. Inoltre si analizzeranno anche le teorie utopiste cooperative per cercare di capire quale sia il più profondo "scopo" della Cooperazione.

Mostra/Nascondi contenuto.
1    Introduzione From each according to his needs, to each according to his deeds LAWRENCE GRONLUND 1 I - Natura e scopi della ricerca Il titolo di questa tesi, l’Utopia Possibile, appare di per se un ossimoro. Dal punto di vista linguistico un’Utopia è un luogo che non esiste, un ideale irrealizzabile, un qualche cosa di talmente lontano dalla realtà da appartenere al mondo delle Idee. Ma il sostantivo stesso non è formato usando l’a- privativo ma la u-, dunque una Utopia è qualche cosa di diverso da una A-topia, ossia un non-luogo in senso stretto. Chiunque creda in un’Utopia in cuor suo ha la ferma convinzione che un giorno, remoto o vicino, questo suo sogno si realizzi. La speranza stessa dell’Utopia risiede dunque essenzialmente già nella semantica del suo sostantivo. Come è possibile dunque parlare di Utopia Possibile? Nel corso di questo lavoro parleremo a lungo della storia e della teoria del movimento cooperativo e dell’ideologia Socialista inglese nel corso della seconda metà del XIX fino alla fine della Seconda Guerra Mondiale. La parte più utopista, e se vogliamo sognatrice, di questo movimento ebbe la ferma convinzione che la propria Utopia, chiamata Commonwealth Cooperativo, fosse un qualche cosa di reale e di tangibile che si sarebbe potuto costruire materialmente. E se pure si potrà dire che questa è una visione comune ad altri idealisti, va dato atto a questi utopisti di aver poggiato le proprie convinzioni su solide basi reali, dato che le comunità utopiste come New Lanark mostrarono come fosse possibile realizzare il loro supremo Ideale. In questo lavoro si cercherà di rispondere ad alcune domande. In primo luogo si indagherà il perché della Cooperazione, ossia sul perché ha avuto questo successo e perché le classi lavoratrici si siano rivolte a lei per tentare di migliorare la propria                                                             1  L. GRONLUND, The co-operative Commonwealth: an exposition of modern socialism, Sonnenschein, Londra, 1892, p. 92. 

Laurea liv.II (specialistica)

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Mattia Pessina Contatta »

Composta da 92 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 762 click dal 16/07/2009.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.