Skip to content

L'economia dell'Italia fascista

Informazioni tesi

  Autore: Juri Leo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economiche
  Relatore: Luciano Pezzolo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 53

Per poter studiare al meglio la situazione economico-finanziaria dell’Italia durante il Ventennio è opportuno distinguere le decisioni politiche da quelle macroeconomiche: se sotto il primo aspetto le imposizioni dittatoriali del Partito Nazionale Fascista furono, talvolta nella loro brutalità, oggetto di un efferato progetto politico, lo stesso non si può dire per le scelte in ambito economico.
Parlare specificatamente di una “economia fascista”, infatti, potrebbe sembrare quasi una forzatura poiché, fino al 1933-34, le politiche economiche del regime di Mussolini non sembravano discordare particolarmente da quelle degli altri Paesi europei.
Volendo comunque individuare ad ogni costo una “natura economica del fascismo1”, si dovrebbe analizzare il periodo compreso tra il 1934 e il 1942, anni nei quali il cospicuo aumento della spesa pubblica in forniture belliche rappresenta il momento più emblematico dell’economia italiana tra le due guerre, dato che gli altri elementi caratteristici, come ad esempio l‘autarchia, erano già presenti nella maggior parte dei Paesi del Vecchio Continente.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Per poter studiare al meglio la situazione economico-finanziaria dell’Italia durante il Ventennio è opportuno distinguere le decisioni politiche da quelle macroeconomiche: se sotto il primo aspetto le imposizioni dittatoriali del Partito Nazionale Fascista furono, talvolta nella loro brutalità, oggetto di un efferato progetto politico, lo stesso non si può dire per le scelte in ambito economico. Parlare specificatamente di una “economia fascista”, infatti, potrebbe sembrare quasi una forzatura poiché, fino al 1933-34, le politiche economiche del regime di Mussolini non sembravano discordare particolarmente da quelle degli altri Paesi europei. Volendo comunque individuare ad ogni costo una “natura economica del fascismo 1 ”, si dovrebbe analizzare il periodo compreso tra il 1934 e il 1942, anni nei quali il cospicuo aumento della spesa pubblica in forniture belliche rappresenta il momento più emblematico dell’economia italiana tra le due guerre, dato che gli altri elementi caratteristici, come ad esempio l‘autarchia, erano già presenti nella maggior parte dei Paesi del Vecchio Continente. La situazione economica europea, al termine della prima guerra mondiale, era segnata da una forte inflazione, che provocava per molti Paesi un deprezzamento del valore estero della loro moneta. Negli anni successivi ci fu un breve periodo di crescita generale, seguito da una recessione, che tra il 1920-21 causò gravi crisi bancarie in diversi Paesi. Questi problemi monetari e finanziari furono la conseguenza diretta del primo conflitto mondiale, cosi come l’onere dei debiti tra i Paesi alleati e i tentativi degli stessi di farsi pagare somme enormi per le riparazioni dalla Germania. Un altro elemento rilevante fu l’opinione condivisa che sarebbe stato necessario tornare al Gold standard presente nel periodo anteguerra, per poter riprendere la crescita degli anni precedenti al 1914, anche a costo di enormi sacrifici per ristabilire i tassi di cambio della moneta. Verso la metà degli anni Venti, ci fu un rilancio dell’economia dovuto a diversi fattori: l’aumento della produzione industriale; l’accettazione del Piano Dawes nel 1924, per il dilazionamento dei pagamenti tra le potenze europee e per la nuova intesa politica che pose fine all’occupazione della Ruhr da parte della Francia, con la firma del Patto di Locarno. Dopo alcuni anni di stabilità economica, seguì una serie interminabile di disastri finanziari che culminarono nel 1931 con il fallimento della maggiore banca austriaca e gravi crisi degli istituti creditizi in Germania: era l’inizio della Grande Depressione, un periodo di declino ciclico su scala 1 G. Toniolo, “ L’economia dell’Italia fascista”, Libri del tempo Laterza, Bari, 1980, pag. XI

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

autarchia
crisi 29
fascismo
gold standard
grande depressione
nascita iri
quota 90
storia economica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi