Skip to content

L'alleanza asimmetrica: il caso dell'Anzus

Informazioni tesi

  Autore: Roberta Donati
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1999-00
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Marco Cesa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 186

Obiettivo di questo lavoro sarà quello di testare, alla luce del trattato concluso tra Stati Uniti Australia e Nuova Zelanda, le principali ipotesi e teorie che emergono dalla letteratura relativa alle alleanze tra piccole e grandi potenze. Verranno analizzate questioni come quella relativa alle origini di tali alleanze, agli specifici problemi degli alleati minori nei loro rapporti con stati più forti, e alle mutevoli percezioni degli obblighi relativi alle alleanze. La crisi degli anni ‘80 poi, permetterà di affrontare temi come quelli del diritto di ogni stato di agire alla luce dei propri interessi nazionali, del ruolo delle ritorsioni nei rapporti tra alleati, e della capacità americana di mantenere la leadership del reticolo di alleanze costruito nel corso della Guerra Fredda.
La ricerca è stato divisa in due parti. La prima ha carattere teorico, ed oltre a fornire una visione generale delle principali teorie sulle origini delle alleanze, si sofferma sull’analisi della letteratura relativa a quelle concluse tra piccole e grandi potenze; la seconda ha invece carattere storico, e si concentra sull’origine e sull’evoluzione dell’Anzus fino alla crisi dei primi anni ‘80. La prima parte è composta da quattro capitoli. Il primo riporta alcune delle più importanti definizioni e classificazioni delle alleanze, dedicando maggiore attenzione a quelle che sottolineano il diverso peso degli attori che ne fanno parte. Esso ricorda inoltre le principali teorie sulle origini delle alleanze. Il secondo capitolo definisce e descrive le principali caratteristiche delle piccole potenze, mettendo in evidenza la mancanza di accordo tra i vari autori sui criteri ritenuti più significativi per distinguerle dal resto degli stati del sistema internazionale. Il terzo capitolo invece, specifica i diversi motivi che inducono le piccole e le grandi potenze ad allearsi tra loro, mentre il quarto capitolo mette in evidenza i principali rischi e pericoli che discendono dalle alleanze tra stati “disuguali”, soffermandosi ad analizzare alcuni dei rimedi che le piccole potenze possono adottare al fine di limitare i rischi che esse corrono alleandosi con stati più forti.
La seconda parte invece, è divisa in tre capitoli. Il primo descrive le origini dell’Anzus, dedicando particolare attenzione alla fase della stipulazione del trattato e al contenuto di quest’ultimo. Il secondo si occupa invece dell’evoluzione dell’alleanza fino alla fine degli anni ‘70, e mette in evidenza le conseguenze legate alla disparità di forza tra i tre alleati. L’ultimo capitolo, infine, si concentra sulla disputa sorta tra Stati Uniti e Nuova Zelanda all’inizio degli anni ‘80, ed analizza tanto le ragioni che indussero il partito laburista neozelandese ad adottare una politica antinucleare, quanto quelle che spinsero gli Stati Uniti ad adottare severe misure punitive nei confronti dell’alleato minore.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 INTRODUZIONE Nonostante le alleanze tra piccole e grandi potenze siano un fenomeno ricorrente della politica internazionale, le opere che si occupano in dettaglio di tale argomento sono relativamente limitate. Una delle prime difficoltà che emerge dall’analisi della letteratura esistente è quella di stabilire con precisione che cosa si intenda per piccole potenze. Ciò dipende non solo dalla varietà delle definizioni utilizzate, ma anche dalla molteplicità dei criteri a cui sono ricorsi i diversi autori per classificare gli stati appartenenti a tale categoria. A parte le ovvie eccezioni, comunque, è possibile individuare un elemento che accomuna gran parte delle piccole potenze, ossia la loro incapacità di difendersi con le sole risorse a loro disposizione. Proprio tale aspetto, spesso aggravato da particolari caratteristiche geografiche ed economiche, ha indotto la maggior parte degli autori a considerare la debolezza militare la causa principale del ricorso delle piccole potenze ad alleanze con stati più forti, portando così a sottovalutare fattori diversi dalla ricerca della sicurezza, che contribuiscono invece a rendere tali alleanze particolarmente attraenti per gli stati minori. Poiché questi ultimi non sono invece in grado di offrire significativi contributi dal punto di vista militare, le considerazioni appena fatte per le piccole potenze non sono ritenute valide per gli stati maggiori. Nonostante minimi incrementi di forza possano talvolta rivelarsi fondamentali, infatti, si ritiene che le grandi potenze, nel decidere di allearsi con stati più deboli, considerino piuttosto i vantaggi che derivano dal sottrarre potenziali alleati ai loro avversari, o dalla possibilità di esercitare forme di controllo su stati che potrebbero altrimenti adottare politiche contrarie ai loro interessi. Quindi non vi è sempre corrispondenza tra i motivi che inducono le due categorie di stati ad allearsi tra loro; e se a questo si aggiunge che raramente gli interessi delle piccole potenze coincidono con

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alleanze asimmetriche
anzus
australia
grandi potenze
guerra fredda
nuova zelanda
relazioni internazionali
stati uniti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi