Skip to content

Affetti e cambiamento nelle rappresentazioni dei controllori di volo del Crav Milano

Informazioni tesi

  Autore: Marianna Rocco
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1993-94
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Corinna Cristiani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 204

Il presente lavoro si propone di indagare la cultura di un'Azienda di servizio: il Controllo aereo.
La nostra ricerca è infatti incentrata sulla cultura dei Controllori di terra e condotta presso il CRAV (CENTRO REGIONALE ASSISTENZA VOLO) di Milano Linate. Per cultura di un'Azienda si intende, nell'accezione comune, l'insieme di comportamenti, decisioni, valori, linguaggi, procedure che, essendo condivisi dai membri dell'Istituzione, consentono di identificare modelli e comportamenti caratteristici dell'Azienda stessa. L'odierna mentalità gestionale è infatti contrassegnata da una giustapposizione di cultura militare e cultura civile. Proprio questi Controllori, dell'era post-militare, vivono ancora, a distanza di anni, una situazione confusa e basata su equilibri instabili, in quanto proiettati verso una mentalità civile che, però, risente ancora in parte del vecchio codice militare. La cultura civile, presumibilmente più flessibile, aperta al nuovo ed al confronto, contrattuale e tecnologica, è infatti carente di un elemento fondamentale: la progettualità.
La cultura passata, gerarchica e punitiva, permetteva di sperare in un futuro migliore ed immediatamente riconoscibile attraverso l'acquisizione dei gradi e favoriva l'impegno individuale. Adesso mancano il riconoscimento e, con esso, la progettualità, il senso dello sviluppo in prospettiva futura; tutto ciò è ampiamente dimostrato dagli strumenti proiettivi che mostrano l'incapacità di realizzare il Sè. Dal nostro studio è infatti emerso che le uniche occasioni di riconoscimento provengono dall'esterno e, più precisamente, dal Pilota, oppure, a volte, dai Controllori che compongono l'organico di Linate. A tutto ciò si devono aggiungere altri due cambiamenti avvenuti a breve distanza nel CRAV di Linate: l'assunzione delle donne in qualità di Controllori e l'utilizzo di una nuova sala controllo. La terza ed ultima novità, infine, riguarda l'allestimento e l'utilizzazione di una sala tecnologicamente più avanzata ed automatizzata della precedente.
Ci è parso interessante incentrare l'attenzione sul cambiamento, veicolo di novità, stimoli, attese, ma anche destabilizzante per chi lo vive, proprio perché stimola strategie di adattamento e sentimenti ambigui ed altalenanti: speranza, delusione, timore, per citarne solo alcuni tra i più evidenti. La nostra ricerca è pertanto strutturata in modo da comprendere tre parti.
La prima tratta gli aspetti teorici della Psicoanalisi finalizzati a delineare i comportamenti ed i rapporti tipici di un'organizzazione.
Una seconda sezione ha invece per oggetto una serie di informazioni tecniche e dettagliate, atte a descrivere il compito specifico, quindi manualistico, del Controllore di volo e l'interazione con il Pilota, primo referente chiamato in causa.
A questa sezione, improntata su aspetti tecnici e pratici, ne segue una terza, differente per i metodi utilizzati, mirati a esplorare il vissuto dei Controllori.Utilizzando l'intervista semi strutturata sono stati raccolti i sistemi di rappresentazione relativi al ruolo ed alle motivazioni ad esso sottese, in un campione ragionato di 20 Controllori; le interviste registrate e trascritte sono state poi analizzate attraverso la teoria dei codici affettivi di Franco Fornari. Domande specifiche e mirate hanno consentito di indagare come i Controllori vivono e concepiscono il loro compito, le relazioni interpersonali, il rapporto con la tecnologia ed i Piloti, gli eventuali conflitti ed i motivi di soddisfazione.
In questa ultima parte, alla raccolta delle informazioni in senso stretto, si è affiancato l'utilizzo di strumenti proiettivi finalizzati ad indagare il piano affettivo delle scelte dei Controllori.
Questo ha permesso di cogliere l'integrazione tra piano affettivo e piano cognitivo, particolarmente feconda per descrivere le dinamiche del cambiamento.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
8 INTRODUZIONE Il presente lavoro si propone di indagare la cultura di un'Azienda di servizio: il Controllo aereo. La nostra ricerca è infatti incentrata sulla cultura dei Controllori di terra e condotta presso il CRAV (CENTRO REGIONALE ASSISTENZA VOLO) di Milano Linate. Per cultura di un'Azienda si intende, nell'accezione comune, l'insieme di comportamenti, decisioni, valori, linguaggi, procedure che, essendo condivisi dai membri dell'Istituzione, consentono di identificare modelli e comportamenti caratteristici dell'Azienda stessa. Intervistando i Controllori del traffico aereo ci sembra di aver individuato degli aspetti comuni e condivisi dai più, soprattutto per quanto concerne i problemi dovuti all'attuale cultura del CRAV di Linate. L'odierna mentalità gestionale è infatti contrassegnata da una giustapposizione di cultura militare e cultura civile. Fino al 1979, anno della smilitarizzazione della categoria, la cultura egemone era militare, quindi improntata su valori maschili, rigidi, gerarchici e, spesso, punitivi. Il "padre ordinatore", al vertice della gerarchia, poteva punire ma anche premiare le capacità prestative, consentendo l'avanzamento di grado, stimolando al meglio e consentendo la riconoscibilità del "figlio speciale" e meritevole all'interno del gruppo. Tale gestione ha dominato incondizionatamente finchè non si sono manifestati (verso la fine del 1979) forti segnali di una profonda insoddisfazione, sfociati in seguito in un vero e proprio "ammutinamento".

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cambiamento organizzativo
controllori di volo
crav
cultura organizzativa
franco fornari
psicoanalisi delle organizzazioni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi