Skip to content

Le Jargon Informatique: il linguaggio dell'informatica e di Internet in lingua francese

Informazioni tesi

  Autore: Vincenzo Simoniello
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Napoli "L'Orientale"
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Linguaggi multimediali e Informatica umanistica
  Relatore: Maria Centrella
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 41

Il crescente utilizzo delle N.T.I.C. (Nuove Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione), in particolar modo di Internet, l’unico mezzo che ha permesso per la prima volta nella storia dell’umanità la comunicazione di molti a molti in un dato momento e su scala globale, ha finito al giorno d’oggi, a partire all’incirca dalla metà degli anni Novanta, per influenzare in vario grado tutti i campi dell’attività umana.
Un nuovo modo di comunicare, la C.M.C. (Computer-Mediated Communication) asincrona e sincrona, modellato nei forum, sui blog, nei social network e nelle chat room, e attraverso la posta elettronica, i newsgroup e le mailing list (interazione basata essenzialmente sul linguaggio scritto, per lo più di stile informale e “conversazionale”, più attento all’incisività, efficacia e velocità del messaggio, che alla qualità ed elaborazione di quest’ultimo, favorendo così la cosiddetta “economy of writing”, che influenza inevitabilmente e notevolmente, infatti, il nostro linguaggio, veicolando in esso una serie di concetti e metafore nuove all’immaginario dei più.
Non stupisce, quindi, che nuovi termini ed espressioni legati ad Internet stiano sempre più entrando a far parte dei nostri dizionari, siano essi monolingui o bilingui; importante conseguenza, quest’ultima, del forte influsso della Rete sul parlare quotidiano.
Neologismi, soprattutto prestiti e calchi linguistici dall’angloamericano, lingua delle nuove tecnologie e di Internet per eccellenza, che ciascuna cultura organizza nel patrimonio della propria lingua a seconda delle diverse esigenze e risorse disponibili.
È il caso, ad esempio, della Francia, nazione che, a partire dalla fine degli anni Novanta del secolo scorso, si propone di controllare, attraverso appositi dispositivi istituzionali impegnati soprattutto nel proporre liste di “termini raccomandati” da utilizzare in alternativa ai prestiti angloamericani, l’evoluzione della lingua francese e di preservarne la purezza, soprattutto in seguito alla perdita di quest’ultima del ruolo di lingua franca internazionale nel corso del secolo scorso, assunto oggi dall’inglese.
Da qui, lo spunto per la stesura del presente lavoro di tesi, la scelta del cui argomento è stata certamente favorita anche dalla volontà, senza eccezionali pretese, di provare a realizzare una sorta di guida al particolare lessico informatico francofono destinata ad internauti e/o studenti di lingua francese italofoni, dettata maggiormente dalla scarsità di materiale al riguardo nelle due lingue.
Il primo capitolo del lavoro è infatti dedicato all’introduzione del concetto di lingua dell’informatica, presentando poi quelle che sono le peculiarità del linguaggio informatico generico in lingua francese e illustrandone le varie influenze attuate dalla particolare politica linguistica soprattutto in Francia ed in Québec, per approfondire, infine, il discorso nella parte dedicata, invece, allo specifico gergo di Internet francofono, l’Argot Internet, così tanto differente da quello angloamericano e da quello italiano.
Il secondo capitolo, evidenziando le principali caratteristiche della terminologia informatica in lingua italiana, è un’analisi linguistico-contrastiva tra il linguaggio informatico e di Internet nel francese e nell’italiano.
Nel terzo capitolo, invece, si è voluto rappresentare un po’ quello che è il carattere sperimentale, per la continua evoluzione delle nuove tecnologie, degli studi linguistici nel campo della terminologia informatica: attraverso l’elaborazione di un apposito questionario, rivolto agli studenti di lingua francese dell’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”, si è cercato di testare tra questi ultimi, con l’ausilio del web, quella che è la loro conoscenza del gergo francofono dell’informatica e di Internet, analizzandone, poi, i dati rilevati.
L’ultima parte di questo breve studio, infine, è costituita da un glossario trilingue dei termini più frequentemente utilizzati nell’Argot Internet, con i relativi equivalenti in lingua inglese ed italiana.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
- 6 - Introduzione Il crescente utilizzo delle N.T.I.C. (Nuove Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione), in particolar modo di Internet, l’unico mezzo che ha permesso per la prima volta nella storia dell’umanità la comunicazione di molti a molti in un dato momento e su scala globale, ha finito al giorno d’oggi, a partire all’incirca dalla metà degli anni Novanta, per influenzare in vario grado tutti i campi dell’attività umana. Un nuovo modo di comunicare, la C.M.C. (Computer-Mediated Communication) asincrona e sincrona, modellato nei forum, sui blog, nei social network e nelle chat room, e attraverso la posta elettronica, i newsgroup e le mailing list (interazione basata essenzialmente sul linguaggio scritto, per lo più di stile informale e “conversazionale”, più attento all’incisività, efficacia e velocità del messaggio, che alla qualità ed elaborazione di quest’ultimo, favorendo così la cosiddetta “economy of writing”, che influenza inevitabilmente e notevolmente, infatti, il nostro linguaggio, veicolando in esso una serie di concetti e metafore nuove all’immaginario dei più. Non stupisce, quindi, che nuovi termini ed espressioni legati ad Internet stiano sempre più entrando a far parte dei nostri dizionari, siano essi monolingui o bilingui; importante conseguenza, quest’ultima, del forte influsso della Rete sul parlare quotidiano. Neologismi, soprattutto prestiti e calchi linguistici dall’angloamericano, lingua delle nuove tecnologie e di Internet per eccellenza, che ciascuna cultura organizza nel patrimonio della propria lingua a seconda delle diverse esigenze e risorse disponibili. È il caso, ad esempio, della Francia, nazione che, a partire dalla fine degli anni Novanta del secolo scorso, si propone di controllare, attraverso appositi dispositivi istituzionali impegnati soprattutto nel proporre liste di “termini raccomandati” da utilizzare in alternativa ai prestiti angloamericani, l’evoluzione della lingua francese e di preservarne la purezza, soprattutto in seguito alla perdita di quest’ultima del ruolo di lingua franca internazionale nel corso del secolo scorso, assunto oggi dall’inglese. Da qui, lo spunto per la stesura del presente lavoro di tesi, la scelta del cui argomento è stata certamente favorita anche dalla volontà, senza eccezionali pretese, di provare a realizzare una sorta di guida al particolare lessico informatico francofono destinata ad internauti e/o studenti di lingua francese italofoni, dettata maggiormente dalla scarsità di materiale al riguardo nelle due lingue. Il primo capitolo del lavoro è infatti dedicato all’introduzione del concetto di lingua dell’informatica, presentando poi quelle che sono le peculiarità del linguaggio informatico generico in lingua francese e illustrandone le varie influenze attuate dalla particolare politica

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

académie française
analisi contrastiva francese-italiano
anglicismi informatici
argot internet
commission générale de terminologie et de néologie
délégation à la langue française
gergo di internet
internet
jargon informatique
lingua francese
linguaggio informatico
linguistica francese
neologismi
prestiti lessicali
comunicazione mediata dal computer
recommandations

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi