Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

I visitatori del museo mineralogico di Caltanisetta

Perché una tesi sui visitatori di un museo? Perché il museo si presenta oggi in letteratura con caratteristiche diverse da quelle tradizionali e conoscere i visitatori si presenta attualmente come una questione importante. Tradizionalmente luogo di conservazione di cose di interesse artistico storico per le future generazioni, più recentemente il museo è descritto, in letteratura, non solo come luogo di conservazione per le future generazioni, ma, anche, luogo di educazione e di intrattenimento delle attuali generazioni. Conoscere visitatori potenziali e attuali è perciò questione importante, non certo per appiattire l’offerta ai bisogni e alle esigenze dei visitatori, ma per mitigare eventuali incomprensioni e rafforzare aspetti della visita già piacevoli. L’indagine è presentata nel quarto capitolo. Il primo, il secondo e il terzo capitolo illustrano le premesse teoriche dell’indagine stessa: la definizione del museo come luogo non solo di conservazione per le generazioni future, ma anche di educazione e intrattenimento di quelle attuali; le caratteristiche dei visitatori in letteratura.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 1.1 La funzione del museo: 1.1.1 semplicemente conservare per le future generazioni? Tradizionalmente la funzione del museo è stata quella di conservare, di custodire il sapere, riconosciuto in un particolare patrimonio storico-culturale, simbolo di una civiltà, di storie umane e naturali. Tutti i musei nascono attorno a collezioni d’arte, a oggetti di cultura materiale o a reperti naturali. Una tradizionale formulazione della funzione è, dunque, quella secondo la quale i musei acquisiscono e conservano le proprie collezioni, illustrano ed espongono al pubblico questi patrimoni, eredità della collettività e delle future generazioni (Kotler N. Kotler P. 1999, 13-14). 1.1.2 o, anche, educare le presenti generazioni? Già nella tradizionale formulazione della missione, citata in N. Kotler e P. Kotler, l’accento cade sulla conservazione per le generazioni future, ma anche sull’educazione delle generazioni attuali. Altre formulazioni della missione del museo privilegiano invece l’educazione e non solo. Alcuni, infatti, parlano del museo come di una istituzione aperta e al servizio del pubblico (Bucchi M., Neresini F., Zambonin A. 2002). Già all’inizio del ventesimo secolo, dicono altri (Kotler N. e Kotler P. 1999, 22), i musei approfondiscono il proprio ruolo di erogatori di informazione ed educazione, e da allora questo ruolo per la maggior parte dei musei rappresenta una priorità. In seguito, l’importante Associazione Americana dei Musei ha posto il ruolo pedagogico dell’organizzazione museale alla base del servizio reso al pubblico,

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Raffaella Pecora Contatta »

Composta da 101 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 507 click dal 23/07/2009.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.