Skip to content

Dagli Ossi di Seppia alle Occasioni. Sulla fortuna critica di Eugenio Montale

Informazioni tesi

  Autore: Mimoza Hysa
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università Telematica ICoN, Consorzio di 22 Università italiane
  Facoltà: Lingua e Cultura Italiana
  Corso: Lettere
  Relatore: Luigi Marseglia
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 51

Eugenio Montale, l’illustre poeta del “mal di vivere”, ha avuto una vastissima fortuna critica, in particolar modo dopo il conferimento del Nobel nel 1975. Ma prima di questo suo ampio successo, non sono mancate voci discordanti e interpretazioni divergenti sulla sua poesia.
Questo studio intende fare luce su un periodo complicato della storia della critica montaliana, quello del passaggio dagli Ossi di seppia alle Occasioni, mediante un’analisi degli interventi più significativi che hanno contribuito alla comprensione del poeta.
In primo luogo si ripercorre la storia critica degli Ossi, soffermandosi sui primi critici di Montale: Emilio Cecchi, Sergio Solmi, Alfredo Gargiulo e Gianfranco Contini. Oltre a sottolineare i luoghi comuni che accompagnarono la comparsa degli Ossi, segnandola come una raccolta poetica “scabrosa”, “arsa”, “pietrosa”, si analizzano anche alcune delle teorie sviluppate specialmente dopo l’intervento di Gargiulo. Lo spazio maggiore viene però lasciato all’interpretazione di Contini, considerata una vera e propria chiave di lettura per gli Ossi.
Successivamente si propone una illustrazione schematica delle Occasioni, con alcuni dati importanti sulla pubblicazione di questa raccolta, sui temi affrontati e sugli stili di pensiero su cui è basata. E’ risultato poi opportuno indagare anche su due concetti largamente usati nei discorsi dei critici di Montale: il concetto eliotiano del “correlativo oggettivo” e quello crociano di “poesia e non-poesia”.
La riflessione svolta conferma Contini come uno dei critici più attenti di Montale, poiché egli riuscì a interpretare il passaggio dagli Ossi alle Occasioni come passaggio di continuità nella sua poesia in crescita, come “una vittoria della forma sulla psicologia”; e dunque assunse una posizione differente da quella assunta da Gargiulo. E’ dunque ipotizzabile che l’opera di Montale non avrebbe avuto la stessa fortuna senza l’appoggio della innovativa intepretazione del Contini.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione Anche l’oscurità di certi moderni finirà per cedere, se domani esisterà ancora una critica. Allora dal buio si passerà alla luce, a troppa luce: quella che i così detti commenti estetici gettano sul mistero della poesia. Tra il non capir nulla e il capire troppo c’è una via di mezzo,[...] che i poeti, d’istinto, rispettano più dei loro critici; ma al di qua o al di là di questo margine non c’è salevezza né per la poesia né per la critica. 1 A giudicare da queste parole di Eugenio Montale, appare difficile realizzare l’obiettivo di questo studio – ovvero quello di fare luce sul dibattito critico sorto attorno alla poesia di Eugenio Montale e nel contempo disegnare una specie di diagramma storico della sua fortuna, con particolare riferimento al passaggio dagli Ossi di Seppia alle Occasioni. E’ forse utile anticipare qui che la linea seguita è stata una linea cronologica (dal 1925 al 1940), che partendo dai primi studiosi di Montale e soffermandosi principalmente sugli interventi più rilevanti che hanno contribuito a chiarire poi il passaggio del poeta dalla prima alla seconda opera, ha analizzato in modo specifico la ‘disputa’ sulle Occasioni sorta tra Alfredo Gargiulo e Giacomo Contini, cercando di interpretarla anche in modo diacronico e tenendo presente l’ottica dei critici di oggi sulla questione oggetto d’analisi. Lo studio si è sviluppato in tre capitoli. Nel primo capitolo si ripercorre in linea cronologica la storia critica degli Ossi di seppia, soffermandosi sui primi studiosi di questa parte dell’opera di Montale: Emilio Cecchi, Sergio Solmi, Alfredo Gargiulo e Gianfranco Cortini. Oltre a sottolineare i luoghi comuni che accompagnarono la prima fase della critica alla poesia montaliana, definendola “scabrosa”, “arsa”, una “poesia del mal di vivere”, viene anzitutto messa in risalto l’importanza della critica di Cecchi, il primo a tentare di trovare somiglianze tra la poesia di Montale e quella di altri autori contemporanei. L’intervento di Solmi è stato invece valutato per la sua preveggenza relativa alla originalità della poesia montaliana,

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

contini
eugenio
fortuna critica
italianistica
letteratura
montale
occasioni
ossi di seppia
poeta

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi