Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'attribuzione del cognome nella filiazione legittima e nella filiazione naturale

La tesi è incentrata sull’evoluzione normativa in materia di attribuzione del cognome, sia nella filiazione legittima che nella filiazione naturale, nonché le prospettive de iure contendo proposte al parlamento al fine di realizzare una modifica sostanziale della materia. Un breve cenno è rivolto alla trattazione della materia in oggetto in riferimento all’adozione.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO 1 Nozione ed evoluzione normativa del cognome 1.1 Il cognome: nozione e funzione Tra i segni distintivi della persona di certo il più caratteristico per origini e significato, il cognome è quella parte della designazione di un individuo che trova collocazione dopo il praenomen o nome proprio. 1 La sua funzione principale, oltre a quella di contribuire alla formazione del nome della persona, è di indicare l’appartenenza familiare e, per essa, concorrere ad individuare chi lo detiene in forza di una attribuzione che si eredita sin dalla nascita. Difatti, se ogni singolo individuo si distingue dai componenti il gruppo familiare per mezzo del nome, può distinguersi dai soggetti che compongono altri gruppi familiari solo per mezzo del cognome. Nel cognome si condensa la “fama” familiare della persona, dal momento che con esso ogni soggetto è partecipe della posizione 1 Questa prassi non trova applicazione negli atti pubblici ed in quelli privati, come pure negli elenchi o nelle liste anagrafiche ed elettorali, nei quali è il cognome a precedere il nome nella sua funzione di elemento distintivo della persona.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Giuseppe Naro Contatta »

Composta da 102 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2099 click dal 27/07/2009.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.